Batteria zinco-aria, la scommessa di New York per l’accumulo

La Zinc8 Energy Solutions si aggiudica la New York Power Authority Innovation Challenge. Le sue batterie aiuteranno lo stato americano a raggiungere l’obiettivo di 3 GW di accumulo al 2030

Batteria zinco-aria
Credit: Zinc8 Energy Solutions

 

Lo Stato neworkese testerà la prima batteria zinco-aria “dietro al contatore”

(Rinnovabili.it) – Nel 2018 lo Stato di New York si è dato un obiettivo importante in tema di energy storage: installare almeno 3 GW di accumulo entro il 2030 per accompagnare il raggiungimento, entro lo stesso anno, del 50 per cento di rinnovabili nella domanda elettrica.

Uno dei primi sistemi a cimentarsi nell’impresa sarà la batteria zinco-aria di Zinc8 Energy Solutions. La società ha trionfato alla NYPA Innovation Challenge, la competizione lanciata dalla Autorità energetica statale per supportare nuove startup e tecnologie verdi nella fase dimostrativa dei progetti.

Ed è esattamente questo il destino che aspetta Zinc8 Energy Solutions. Grazie all’intesa firmata in questi giorni, infatti, la NYPA aiuterà la società a realizzare un impianto dimostrativo d’accumulo fornendo 2,55 milioni di dollari, distribuiti per un periodo di 3 anni. 

L’azienda ha brevettato un sistema di accumulo ricaricabile che immagazzina in modo efficiente energia sotto forma di particelle di zinco e che non contiene nessuna dei tradizionali materiali ad alto costo come litio, vanadio o cobalto. La tecnologia vanta un’alta densità energetica (fino oltre i 200 Wh/kg negli esperimenti di laboratorio) e bassi costi di produzione e smaltimento; quindi consente uno stoccaggio a prezzi più bassi e può essere implementato in una ampia gamma di applicazioni scalabili. 

 

>>leggi anche Batterie metallo-aria, pronte a sconvolgere il mercato<<

 

Il progetto finanziato prevede l’installazione di una batteria zinco-aria da 100kW di potenza e 1MWh di capacità. Il sistema sarà behind-the-meter, letteralmente “dietro il contatore”, ossia fornirà energia che potrà essere utilizzata direttamente in loco, senza passare quindi attraverso un contatore elettrico. Nel dettaglio la batteria sarà installata in un sito dimostrativo statale presso un cliente commerciale della NYPA.

A regime il nuovo impianto d’accumulo avrà la capacità di fornire energia di backup, aiutare a livellare la domanda della rete e spostare ulteriormente lo Stato verso una rete elettrica senza emissioni di carbonio supportata da risorse di energia rinnovabile.

Uno dei punti forti è il suo costo di installazione. Secondo quanto riporta Pv Magazine USA, la Zinc8 Energy Solutions punta ai 45 dollari per kWh. 

“La NYPA è lieta di lavorare con Zinc8 su una tecnologia innovativa che può aiutare a raggiungere gli obiettivi dello stato per lo stoccaggio di energia e avere ampi impatti in tutto lo Stato di New York”, ha affermato Gil C. Quiniones, presidente e CEO della Autorità energetica. “Questa collaborazione mostrerà una soluzione a basso costo e di lunga durata in grado di affrontare l’imprevedibilità delle risorse rinnovabili, come l’eolico e il solare, offrendo vantaggi ambientali”. 

 

>>leggi anche Impianti d’accumulo: lo storage mondiale toccherà i 2,8 TWh nel 2040<<

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui