Sistemi efficienti di utenza: dal GSE la Guida alla qualifica SEU

Nel documento vengono forniti ulteriori chiarimenti e approfondimenti su quanto già specificato dal TISSPC e dalle Regole Applicative del GSE

Sistemi efficienti di utenza: dal GSE la Guida alla qualifica SEU

(Rinnovabili.it) – Mentre ancora fanno discutere le preoccupanti dichiarazioni del Sottosegretario al Ministero dello Sviluppo economico, Antonello Giacomelli, in merito alla fine dell’esenzioni previste per i SEU, i sistemi efficienti d’utenza tornano nuovamente sotto i riflettori. Il Gestore dei servizi Energetici (GSE) ha pubblicato sul proprio sito web la Guida per la qualifica dei sistemi SEU e SEESEU, documento di supporto per gli operatori che intendono ottenere tali qualifiche per i loro sistemi. La guida, consultabile on line nella sezione web Qualifiche e Certificati, fornisce ulteriori chiarimenti e approfondimenti su quanto già specificato dal TISSPC (Testo Integrato dei Sistemi Semplici di Produzione e Consumo) e dalle Regole Applicative del GSE.

 

Tali indicazioni recepiscono (e richiamano)  le FAQ pubblicate sul sito dell’Autorità per l’Energia con l’obiettivo , in particolare, di fornire indicazioni utili per l’individuazione dei principali elementi che rientrano nel sistema e per la preparazione dei documenti da trasmettere al GSE ai fini della presentazione di richiesta di qualifica.

 

Immagine
Caratteristiche specifiche dei sistemi SEU

 

Il documento ricorda anche  i benefici economici di questo tipo di sistemi, in quanto la qualifica comporta (per ora) delle agevolazioni tariffarie sull’energia elettrica auto consumata, sulle parti variabili degli oneri generali di sistema . più precisamente questa voce per il 2014 è dovuta solo all’energia prelevata dalla rete, mentre per il 2015 gli oneri di sistema sono dovuti sia sull’energia elettrica prelevata che su quella auto consumata nella misura del 5%. Gli impianti a fonte rinnovabile in regime di Scambio sul Posto e di potenza inferiore ai 20 kW sono esonerati dal pagamento degli oneri anche per gli anni successivi al 2014.

Il GSE ci  tiene a ricordare però che “il documento non esenta l’operatore che si appresta a presentare una richiesta di qualifica, alla lettura, alla conoscenza e all’utilizzo di quanto specificato nel TISSPC e nelle Regole Applicative”.

Articolo precedenteRinnovabili e SEU, a rischio l’esenzione oneri di sistema
Articolo successivoLe emissioni di mercurio crollano se non si brucia il carbone

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui