Materiali edilizi: il calcestruzzo flessibile fa a meno del cemento

    Ideato e brevettato da un gruppo di ricercatori della Swinburne University, il nuovo calcestruzzo è costituito da materiali di scarto ed è fino a 400 volte più flessibile di quello tradizionale

    calcestruzzo flessibile

     

     

    La ricetta del calcestruzzo flessibile diventa più ecologica

    (Rinnovabili.it) – Adatto alle costruzioni in zone sismiche, sicuro, duraturo e soprattutto più sostenibile rispetto alla tradizione. Parliamo dell’innovativo calcestruzzo flessibile inventato nei laboratori della Swinburne University, in Australia. Qui il dott. Behzad Nematollahi e il professor Jay Sanjayan hanno realizzato e brevettato un nuovo tipo di conglomerato artificiale che non solo è in grado di flettersi senza frantumarsi, ma che non richiede cemento per la sua produzione.

    In realtà l’idea di un calcestruzzo flessibile ha alle spalle decenni di lavori, esperimenti e prodotti. Ma il team australiano è riuscito a migliorare ulteriormente la ricetta, riducendo la quantità di energia necessaria ed emissioni associate. Come? Abbandonando, per l’appunto, il cemento e sostituendolo con scarti industriali, come le ceneri volanti (un sottoprodotto della combustione di carbone polverizzato nelle centrali termoelettriche).

     

    >>leggi anche Nei Paesi Bassi arrivano le case in calcestruzzo stampate in 3D<<

     

    “Il calcestruzzo è il materiale da costruzione più utilizzato al mondo”, spiega Nematollahi. “In effetti, è il secondo bene più consumato dagli esseri umani dopo l’acqua. La sua qualità ha un enorme effetto sulla resilienza delle nostra infrastrutture come edifici, ponti e tunnel”. Ecco perché è essenziale non solo valutare le sue prestazioni ma anche l’impatto ambientale. Il materiale tradizionale non è solo soggetto a frantumazione quando viene allungato o piegato, ma ha anche un’enorme impronta di carbonio dovuta alla calcinazione del calcare per realizzare il suo ingrediente chiave, il cemento. 

     

     

    Il nuovo prodotto della Swinburne University risolve in parte questa sfida grazie all’uso di scarti. “La sua produzione richiede circa il 36 per cento in meno di energia ed emette fino al 76 per cento in meno di anidride carbonica rispetto al calcestruzzo flessibile convenzionale fatto di cemento”, aggiunge Nematollahi. E qualora dovesse spezzarsi o danneggiarsi, le minuscole fibre polimeriche incorporate nella miscela assicurano che non si frantumi. Il team afferma che questo calcestruzzo flessibile potrebbe, ad esempio, essere in aree sismiche per edifici in grado di resistere a scosse regolari senza indebolirsi. “I risultati dei nostri test di laboratorio hanno dimostrato che questo nuovo calcestruzzo è circa 400 volte più flessibile del calcestruzzo normale, ma ha una resistenza simile”, spiegano i ricercatori. Il lavoro  è stato pubblicato su Construction and Building Materials (testo in inglese).

     

    >>leggi anche Arriva in Parlamento la strategia per la riqualificazione energetica degli edifici<<

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui