Cina, un paesaggio resiliente che si adatta ai monsoni

    Il Yanweizhou Park di Turenscape è progettato per integrare cittadini e natura in un paesaggio resiliente che si adatta alle inondazioni stagionali del fiume che divide la città

    Cina, un paesaggio resiliente che si adatta ai monsoni

     

    (Rinnovabili.it) – Nel cuore della città cinese di Jinhua, è stato realizzato un parco di 26 ettari capace di adattarsi ai cambiamenti climatici e superare brillantemente le alluvioni monsoniche con un disegno di cerchi concentrici che crea un meraviglioso paesaggio resiliente.

     

    Gli architetti di Turenscape hanno progettato lo Yanweizhou Park rispondendo a quattro domande:

    • Come si può preservare l’habitat fluviale e adattarlo alle esigenze dell’ambiente urbano densamente costruito?
    • Quale approccio deve essere usato per controllare le inondazioni?
    • Come può il preesistente teatro dalla forma organica essere integrato nell’ambiente circostante per creare un paesaggio coerente e che offra un’esperienza unica per i visitatori?
    • Come si possono collegare i due quartieri separati dal fiume tra di loro e all’habitat ripario per rafforzare l’identità culturale e la comunità della città di Jinhua?

     

    05-yanweizhou-birdeye-view2

     

    Le strategie messe a punto dagli architetti per rispondere a  queste domande e creare un paesaggio resiliente capace di adattarsi all’andamento stagionale delle piene del fiume sono state: utilizzare le cave di sabbia esistenti e conservare la vegetazione naturale, migliorare la biodiversità della zona con la piantumazione di specie autoctone e aiutare gli animali a ritrovare l’habitat fluviale che il tessuto molto denso della città stava distruggendo.

    L’ecosistema delle zone umide in questo modo è preservato e il paesaggio resiliente di Turenscape si compone di tante parti che interagiscono tra di loro come un arcipelago di piccole isole. Il sistema di spazi verdi e di percorsi è costituito da parti permeabili – che in caso di piena vengono sommerse – ed impermeabili – come il ponte sollevato pedonale che collega le due sponde. Un sistema che fa a meno di alti argini di calcestruzzo ma accetta i cambiamenti stagionali del corso d’acqua e si adatta per integrare comunità, vegetazione, animali e paesaggio in un sistema ospitale e piacevole.

    Le aree pedonali sono tutte coperte di ghiaia di recupero del sito e un sistema di biodepressori circolari hanno fioriere ed alberature integrate mentre i percorsi carrabili ed i parcheggio sono rivestiti con una pavimentazione in calcestruzzo permeabile.

     

    Cina, un paesaggio resiliente che si adatta ai monsoni

     

    Il paesaggio resiliente dello Yanweizhou Park è ispirato da una tradizione locale della “Danza del Drago” che si tiene durante il Festival di Primavera. Durante questa festività i cittadini collegano insieme delle aste di legno che vanno a formare un cordone sinuoso che si snoda lungo tutta la città addobbato per assomigliare ad un drago. Le persone agitano le aste danzando e creano le curve e le torsioni associate al movimento del drago accompagnate da musica, canti e gong. La scelta di questo concept serve a rafforzare l’identità culturale e a collegare anche ideologicamente cittadini e territorio.

     

    Cina, un paesaggio resiliente che si adatta ai monsoni

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui