Edifici in legno: 25 King è il più alto d’Australia

    Realizzato dallo studio di architettura australiano Bates Smart, il 25 King è uno degli edifici in legno più alti d’Australia e rappresenta un caso imponente nel settore della bioedilizia

    Edifici in legno 25 king

     

    P. Vivian (Bates Smart): “Gli edifici in legno aiutano chi li abita a connettersi con la natura”

     

    (Rinnovabili.it) – L’attenzione che i progettisti di tutto il mondo rivolgono agli edifici in legno è cresciuta negli ultimi anni, tanto che si è parlato di un vero boom del legno nelle nuove costruzioni, un settore che vede l’Europa all’avanguardia, ma che è esplorato anche da altri progettisti in altre parti del mondo, come in Australia. A Brisbane, infatti, è stato inaugurato la settimana scorsa il 25 King, un edificio di 10 piani e 45 metri di altezza che rappresenta un caso imponente nel settore delle costruzioni eco-compatibili. Realizzato dallo studio di architettura australiano Bates Smart, il 25 King è stato presentato come uno degli edifici in legno più alti della nazione e abbina con gusto il suo scheletro in legno con una facciata in vetro luccicante, lasciando le travi di legno a vista, che diventano parte dell’estetica sia all’interno che all’esterno dell’edificio.

     

    >>Leggi anche L’Europa sarà patria degli edifici in legno più alti del mondo<<

     

    L’acciaio e il calcestruzzo, infatti, sono stati rimpiazzati con materiali in legno altamente ingegnerizzati, costituiti da legno lamellare incollato e legno lamellare a strati incrociati, la cui produzione comporta un’impronta di carbonio molto inferiore rispetto a quella del calcestruzzo e dell’acciaio. Piano per piano, enormi colonne a forma di V sono state impilate l’una sull’altra per sostenere le lastre di legno utilizzate per i solai, con l’ulteriore vantaggio di creare una piacevole estetica all’interno. Il piano inferiore è costituito da un colonnato ombreggiato che ospita caffetterie e ristoranti, mentre i nove piani superiori sono utilizzati come spazi per uffici open space. Le colonne di supporto sono disposte in modo strategico per consentire la massima flessibilità degli spazi. A ciò si aggiungono anche altre caratteristiche sostenibili, tra cui la raccolta dell’acqua piovana, l’illuminazione ad alta efficienza energetica, un muro coperto di verde nella hall d’ingresso e una climatizzazione ottimizzata.

     

    >>Leggi anche Costruire con il legno, ecco i grattacieli del futuro<<

     

    Per il direttore di Bates Smart, Philip Vivian, l’edificio rappresenta una svolta verso la realizzazione di edifici dall’atmosfera calda e invitante. “Sappiamo che le persone vogliono connettersi alla natura – ha detto Vivian – e utilizzare il legno sia all’esterno che all’interno degli edifici aiuta le persone a sentirsi a proprio agio all’interno dell’ambiente costruito”. Secondo lo studio di progettazione australiano, il metodo di costruzione di 25 King, rispetto alle pratiche di costruzione convenzionali, ha portato una riduzione del 46% nel consumo di energia, una riduzione del 29% nell’uso di acqua potabile e un 74% di emissioni di CO2 evitate.

     

    25-king-edifici-in-legno-2

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui