Edifici sostenibili, nuovi strumenti ad hoc da UNI e Itaca

    Pubblicata la prassi di riferimento “Sostenibilità ambientale nelle costruzioni – Strumenti operativi per la valutazione della sostenibilità”, frutto della collaborazione tra l’Ente Italiano Normazione e l’Istituto per l’innovazione

    Edifici sostenibili

     

     

    Un nuovo riferimento tecnico per gli edifici sostenibili non residenziali

    (Rinnovabili.it) – I nuovi edifici sostenibili hanno da oggi un’arma in più, in Italia, per garantire il raggiungimento del loro obiettivo. Parliamo della UNI/PdR 13:2019, nuova prassi di riferimento per il settore edile elaborata dall’Ente nazionale di Normazione assieme a Itaca, Istituto per l’Innovazione e la Trasparenza degli Appalti e Compatibilità Ambientale.

     

    Le prassi di riferimento sono documenti para-normativi che introducono prescrizioni tecniche o modelli applicativi settoriali di norme tecniche, per rispondere in maniera rapida ai cambiamenti di mercato. In questo caso specifico la UNI/PdR 13:2019 “Sostenibilità ambientale nelle costruzioni – Strumenti operativi per la valutazione della sostenibilità” rappresenta l’aggiornamento della precedente prassi UNI/PdR 13:2015. Il documento del 2015, strutturato in 2 sezioni ed elaborato a partire dal Protocollo ITACA, permetteva di formulare un giudizio sintetico sulla performance globale degli edifici residenziali, specificando i criteri per la valutazione e il calcolo del punteggio di prestazione.

     

    >>leggi anche Certificazione energetica: novità per il Protocollo ITACA<<

     

    L’aggiornamento ha introdotto due importanti novità:

    • una nuova sezione, dedicata alla valutazione della sostenibilità ambientale degli edifici non residenziali;

    • l’adeguamento alle novità relative alla normativa tecnica e ai Criteri Ambientali Minimi previsti dal D.M 11 ottobre 2017, obbligatori negli appalti pubblici per l’affidamento dei servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici.

     

    La UNI/PdR 13:2019” – spiega il Presidente UNI Piero Torretta – “è l’evoluzione di un lavoro avviato da tempo che congiunge il ruolo della normazione tecnica UNI con la competenza e l’esperienza applicativa del protocollo ITACA al fine di offrire agli operatori del mercato e ai consumatori un riferimento nella valutazione della sostenibilità degli edifici residenziali e non residenziali”.

     

    Uno standard che si basa sulla legislazione, sulla normativa tecnica, sulla esperienza applicativa ed il modo di fare e di costruire italiano, – continua Torretta – con l’obiettivo di proporre una metodologia per la classificazione prestazionale degli edifici, nuovi o ristrutturati, basata su un criterio di parametrazione stabile e certo nella misurazione e valorizzazione della sostenibilità indispensabile per una scelta razionale e consapevole”.

     

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui