Il più bell’esempio di ristrutturazione edilizia del 2022 si trova a Sydney

Il World Building of the Year 2022 è la Quay Quarter Tower progettata da 3XN partendo dalla ristrutturazione edilizia di una torre del 1976

La torre mette in pratica tre livelli di sostenibilità: urbana, ambientale e sociale

(Rinnovabili.it) – Una ristrutturazione edilizia che ha trasformato un edificio del 1976, nel World Building of The Year 2022, nell’Edificio migliore dell’anno. E’ la Quay Quarter Tower trasformata secondo il progetto di 3XN Architects. La nomina è arrivata l’ultimo giorno del World Architecture Festival di Lisbona da una giuria internazionale.

La torre di 206 metri si trova poco distante dall’Opera House di Sydney ed è destinata ad uso uffici, ma organizzata come un villaggio verticale per creare un senso di comunità.

Leggi anche Le Architetture più belle del mondo vincitrici al World Architecture Festival 2022

Composto da 5 volumi mobili impilati uno sull’altro, l’edificio oggetto della ristrutturazione edilizia riutilizza la torre esistenti secondo la migliore strategia di sostenibilità.

Il precedente AMP Center aveva ormai raggiunto la fine del suo ciclo di vita, ma piuttosto che demolirlo, il team di 3XN si è imbarcato in un’impresa tanto interessante quanto impegnativa. Della vecchia struttura sono state riutilizzate gran parte delle colonne e delle travi, nonché parte del nucleo.

La ristrutturazione edilizia della Quay Quarter Tower conserva il 65% della precedente torre e il 95% del nucleo originale. Con un conseguente risparmio di carbonio incorporato vicino alle 12.000 tonnellate.

Ristrutturazione edilizia sostenibile su tre livelli

Ristrutturazione edilizia
Photo credit: Phil Noller by v2com

La trasformazione ha messo in pratica tre livelli di sostenibilità: ambientale, sociale e urbana.

L’aspetto ambientale sfrutta due diversi interventi. Una facciata con cappa frangisole che blocca il 30% dell’irraggiamento solare riducendo i carichi meccanici ed eliminando la necessita di tende interne per il controllo termico. Mentre la seconda espressione di sostenibilità ambientale è il recupero di 2/3 della struttura esistente. L’ampliamento è stato possibile grazie ad una serie di innesti nelle solette esistenti attraverso una griglia di tubi in acciaio riempiti di cemento.

In questo modo si è riusciti ad aggiungere quasi 45mila mq di nuova costruzione.

Villaggio verticale

La sostenibilità sociale è resa possibile applicando il concetto di Villaggio Verticale. Progettato sia dall’interno verso l’esterno che dall’esterno verso l’interno. Ciascuno dei 5 volumi di cui si compone la QQT è un fulcro a sé stante con pavimenti collegati tra loro da scale a chiocciola, disposti attorno ad atrii sovrapposti che portano la luce del giorno in profondità fino alle aree più interne. Inoltre la rotazione dei piani favorisce una schermatura autonoma a tutta la facciata riducendo ulteriormente il guadagno solare. Gli spazi esterni, le terrazze sul tetto e quelle intermedie si trasformano in luoghi per la socialità semi privati a disposizione di tutti gli occupanti della struttura.

La sostenibilità urbana

Essendo un intervento di ristrutturazione edilizia i progettisti di 3XN hanno esteso la progettazione a tutto il quartiere, per rendere la Quay Quarter Tower un luogo di incontro. Il podio della torre diventa una piazza pubblica permeabile e in parte adibita a mercato coperto. La copertura di questo spazio tra le torri diventa un giardino pubblico che, a causa della topografia del luogo con un dislivello di 11 metri, è accessibile direttamente dal piano terra della nuova torre.

Articolo precedente360 buone pratiche di economia circolare: il progetto ReCiProco di Enea
Articolo successivoIl quartiere con la migliore qualità dell’aria? Te lo dicono l’erba e il C-14

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui