La città galleggiante made in Italy potrebbe ospitare fino a 50mila persone

Una città galleggiante costruita secondo i principi dell’economia circolare, dove ogni cosa si ricicla, l’energia prodotta è rinnovabile e l’IA aiuta a gestire i processi di pianificazione

città-galleggiante
Floating city – credits: Luca Curci Architects

Tra i progetti più celebri di città galleggianti c’è Oceanix, Maldive Floating City e l’estensione industriale del progetto NEOM

(Rinnovabili) – Il cambiamento climatico minaccia le città costiere del mondo.Mentre proviamo a risolvere il problema tagliando le emissioni e consumando meno risorse, una frangia di designer, progettisti ed utopisti provano ad immaginare città resilienti capaci di resistere alle trasformazioni. E’ il caso di Floating City, una città galleggiante proposta dall’architetto italiano Luca Curci in collaborazione con il designer Tim Fu.

Essendo costruita direttamente sull’acqua, la città non teme l’innalzamento dei mari destinato a crescere, nelle peggiori previsioni, di altri 2 metri entro il 2100.

Smart city ad impatto zero

città-galleggiante
Floating city – credits: Luca Curci Architects

Il progetto dell’architetto Curci immagina ovviamente una città ad energia zero, autoalimentata dagli impianti per la produzione rinnovabile che comprendono sistemi fotovoltaici, eolici, idroelettrici, ma anche sistemi di produzione alimentati dalle onde e dissalatori.

Il punto di partenza è una città galleggiante per 50mila persone, ma le caratteristiche modulari della progettazione potrebbero teoricamente permetterne un’espansione illimitata. “Le città galleggianti daranno forma al nostro futuro”, sostiene l’Arch. Luca Curci. E la tecnologia plasmerà le forme per rendere le aree abitate sempre più efficienti. Nella stessa pianificazione di Floating City è stata utilizzata una IA a supporto dei progettisti.

Il sistema urbano sarà caratterizzato prevalentemente da aree verdi sia pensili che più tradizionali, per mantenere sotto controllo le temperature destinate a crescere nel prossimo futuro. Secondo quanto riferito dai suoi creatori, Floating City, sarà raggiungibile via mare o via “cielo” tramite droni.

Una volta costruita sarà una vera e propria smart city, dove il digitale e la connessione ottimizza la vita dei cittadini, favorisce la corretta pianificazione da parte delle autorità locali e attrae “talenti” puntando anche su ricerca e scuole.

Per quanto appaiano progetti irrealizzabili o appartenenti ad un futuro lontano, alcune proposte per la costruzione di città galleggianti si sta realmente concretizzando. E’ il caso di Oceanix, la città galleggiante della Corea del Sud che vede coinvolte addirittura le Nazioni Unite (UN-Habitat), i progettisti di Bjarke Ingels Group (BIG) e Samsung.

Articolo precedenteElettrolizzatori made in Italy, passi avanti per la gigafactory di De Nora-Snam
Articolo successivoImpianti rinnovabili in Italia, in un anno installati +3.2 GW

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!