Consumi di pellet in Europa: trend e preferenze d’acquisto dei consumatori

Da un’indagine di ENplus® prezzo, qualità e sostenibilità del pellet si confermano come i principali elementi che determinano l’acquisto di pellet dei consumatori europei

Prezzi del pellet

La quota di persone che apprezzano la rinnovabilità del pellet è cresciuta del 14% rispetto a due anni fa

Quali sono le priorità che determinano le abitudini d’acquisto dei consumatori europei di pellet? Per rispondere alla domanda, al termine del 2023, ENplus® ha lanciato un sondaggio per indagare i principali driver che determinano i consumi di pellet, offrendo una panoramica sui comportamenti, le abitudini d’acquisto e il sentiment dei consumatori.

Consumo di pellet in Europa, perché sceglierlo

I dati, raccolti da interviste svolte in 21 Paesi, mostrano che la maggior parte dei consumatori sceglie il pellet perché rappresenta un’opzione di riscaldamento più economica rispetto ad altre soluzioni energetiche (52%) e più rispettosa dell’ambiente (56%). Oltre al prezzo, qualità e sostenibilità del materiale si confermano determinanti nelle motivazioni di acquisto.

Il prezzo del pellet e le certificazioni di qualità sono infatti emersi come i principali fattori-chiave per quanto riguarda i consumi di pellet: il 67% degli intervistati afferma che il prezzo del pellet è molto importante per valutare l’acquisto, mentre solo il 3% dei partecipanti afferma che la decisione di acquistare pellet non è influenzata dal prezzo.

L’80% dei consumatori dichiara di prediligere l’acquisto da produttori o commercianti locali, apprezzando la vicinanza del fornitore. Tuttavia, il numero di utenti che indica di aver acquistato pellet online è raddoppiato rispetto a quanto rilevato da un precedente sondaggio di ENplus® effettuato due anni fa. Il servizio di consegna del pellet direttamente a casa rimane uno dei fattori di acquisto più importanti per tre consumatori su quattro.

La quota di persone che apprezzano la rinnovabilità del pellet è cresciuta del 14% rispetto a due anni fa, in linea con una maggiore consapevolezza comune riguardo alla necessità di superare l’uso dei combustibili fossili e al contributo alla decarbonizzazione che possono offrire le biomasse legnose. Un consumatore su quattro cita inoltre tra le motivazioni d’acquisto l’atmosfera piacevole che il riscaldamento a pellet crea nelle abitazioni.

Anche gli incentivi favoriscono la transizione al pellet nei Paesi europei dove sono previsti. Per orientarsi tra le soluzioni incentivanti presenti in Italia è possibile consultare la Guida AIEL agli incentivi per le nuove installazioni e le sostituzioni di impianti a biomassa, ricordando che sarà comunque obbligatorio usare pellet certificato.

A livello europeo si afferma invece la consapevolezza che il colore del pellet non sia indice di qualità, così come non incidono su di essa la specie legnosa e l’origine geografica del pellet. Si tratta di falsi miti e credenze ancora difficili da scardinare – soprattutto in Italia.

In riferimento al periodo dell’anno in cui i consumatori tendono a rifornirsi di materiale, circa la metà degli intervistati indica l’inizio della stagione termica (settembre-dicembre). Il mercato italiano tende a concentrare gli acquisti nel periodo prestagionale più di quanto avvenga altrove, anche se quest’anno la tendenza ad assicurarsi le forniture già entro la fine dell’estate è stata comune a molti mercati europei. Due partecipanti su tre, inoltre, hanno segnalato di disporre di scorte residue prima dell’avvio della stagione termica.

Il 93% degli intervistati afferma di voler continuare a utilizzare il pellet come soluzione di riscaldamento nei prossimi anni, a conferma della stabilità attuale del mercato. Tuttavia, è ragionevole supporre che, dopo alcuni anni di crescita ininterrotta, lo shock dei prezzi energetici 2022-2023 abbia frenato l’ingresso di nuovi consumatori nel mercato del pellet e si attende che la progressiva normalizzazione dei livelli di prezzo aiuti a superare la condizione di empasse.

Complessivamente, il 90% degli intervistati che hanno dichiarato di conoscere ENplus® ne afferma l’importanza al momento dell’acquisto, evidenziando il contributo fondamentale dello schema di certificazione allo sviluppo del mercato premium del pellet. Sotto questo aspetto, i consumatori dimostrano di avere una consapevolezza simile a quella delle aziende, dato che l’80% delle aziende certificate ritiene la certificazione ENplus® essenziale per la loro attività.

Articolo precedenteRecord per i mercati del carbonio: nel 2023 toccati 881 mld euro
Articolo successivoAgrivoltaico Innovativo, pubblicato il Decreto su incentivi PNRR

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!