GBC Italia alla Cop28: ripensare l’ambiente costruito per il benessere delle persone e del Pianeta

Green Building Council Italia partecipa alla 28esima edizione della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.

GBC Italia a COP28
credits: GBC Italia

Dal 30 novembre al 12 dicembre 2023 si svolgerà all’Expo City di Dubai la COP28, il più alto organo decisionale mondiale sulle questioni climatiche

Milano, 29 novembre 2023 – Green Building Council Italia partecipa alla 28esima edizione della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.

Dal 30 novembre al 12 dicembre 2023 si svolgerà all’Expo City di Dubai la COP28, il più alto organo decisionale mondiale sulle questioni climatiche.

Il Green Building Council Italia sarà presente per portare il proprio contributo alla comunità internazionale presente con l’obiettivo di ripensare l’ambiente costruito per il benessere delle persone e del Pianeta.

leggi anche La Cop28 alla prova del primo Global Stocktake, il bilancio collettivo sull’azione per il clima

Porterò il pensiero dell’Associazione in questo importante contesto internazionale” – Afferma Fabrizio Capaccioli, Presidente di GBC Italia, che prosegue – “Intendo portare a conoscenza di policy e decision makers, che chi si occupa di edilizia sostenibile non è guidato esclusivamente da preoccupazioni di carattere ambientale. In GBC Italia siamo convinti che per garantire standard di vita di qualità per i cittadini a livello globale non sia sufficiente affrontare solo la crisi ecologica, ma è anche indispensabile fare i conti con altre istanze, altrettanto urgenti, come le disuguaglianze e le iniquità sociali. La filiera edile e quella immobiliare sono fortemente coinvolte in questo cambiamento. – Conclude Capaccioli – Siamo alla COP28 per fare in modo che la nostra voce sia, nel mondo, sempre più diffusa ed ascoltata”.

Focus specifico di questa edizione della Conferenza sarà indagare se le azioni ad oggi intraprese e programmate siano in grado di generare -entro il 2030 – risultati utili alla riduzione del 43% delle emissioni, al contenimento dell’innalzamento delle temperature a 1.5°C ed a mitigare gli effetti degli eventi meteorologici estremi, sempre più intensi e frequenti.

Relatori, nazionali e internazionali, saranno chiamati a riflettere e confrontarsi su come, anche in Italia si possa, nell’arco dei prossimi anni, conseguire una effettiva riduzione degli impatti e delle emissioni dei gas serra per una maggiore sostenibilità dell’intero Sistema Paese. Gestione del territorio e idrica, progettazione delle opere, logistica, consumo di energia saranno tra i principali temi di analisi dell’incontro.

Articolo precedenteDL energia, il CdM approva nuove misure per le rinnovabili
Articolo successivoIdrogeno verde da fotocatalisi, il primo prototipo australiano

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!