Possedere un’auto elettrica costa meno dei veicoli diesel

Una nuova ricerca sottolinea i vantaggi delle auto con la spina: risparmi fino al 15% rispetto alle versioni a benzina e gasolio

auto elettrica

 

In 5 Paesi europei l’auto elettrica batte quelle “fossili” per economia di gestione

(Rinnovabili.it) – Comprare un’auto elettrica è ancora un investimento che non tutti possono permettersi. Ma, una volta fatto l’acquisto, le spese di gestione premiano i proprietari. Perlomeno è quello che avviene oggi in cinque Paesi europei – Regno Unito, Germania, Francia, Paesi Bassi e Norvegia – protagonisti del report del Consiglio internazionale per i trasporti puliti (ICCT). Lo studio ha esaminato i costi di acquisto, le spese per il carburante e tasse auto per la vettura più venduta in Europa, la Volkswagen Golf, nelle sue versioni a batteria elettrica, ibrida, benzina e diesel su un periodo di 4 anni. L’obiettivo era quello di ottenere una panoramica delle diverse politiche fiscali europee dedicate ai veicoli in tutta Europa per comprendere in che modo i governi possano ridurre le emissioni delle flotte nazionali. Su ruchiesta del Guardian i ricercatori hanno aggiornato i numeri per tener conto delle ultime modifiche politiche in UK.

 

Nei cinque paesi sopra-menzionati la versione elettrica è risultata più economica degli altri modelli, grazie a una combinazione di tasse più basse, risparmi sui costi del carburante e sussidi sul prezzo d’acquisto. L’analisi ICCT mostra che il risparmio minore è quello dei conducenti britannici (5%) a causa dei recenti tagli ai sussidi statali, mentre in Germania, Francia e Paesi Bassi il taglio delle spese si aggira dall’11% al 15%. In testa a tutti ovviamente la Norvegia dove l’esenzione dalla pesante tassa d’immatricolazione offre ai cittadini un risparmio del 27%.

 

>>leggi anche Il record mondiale della Norvegia: un’auto nuova su 3 è elettrica<<

 

La maggior parte degli spostamenti è all’interno del range (d’autonomia) di un veicolo elettrico, – spiega Sandra Wappelhorst, dell’ICCT  – ed è proprio l’auto elettrica a risultare la più conveniente. Ma se sei un medico di campagna, che potrebbe dover rispondere a chiamate di emergenza ad orari strani in luoghi strani, dovrai valutare un’automobile elettrica a batteria in modo diverso da un chirurgo di Londra”. Secondo Wappelhorst gli incentivi finanziari non saranno più necessari dopo il 2025, anno in cui si stima i prezzi di acquisto delle auto elettriche raggiungeranno quelli delle auto alimentate a combustibili fossili.

 

>>leggi anche Ecoincentivi ed ecotassa: acquistare auto green conviene due volte<<

Articolo precedenteInquinamento da plastica addio con Ocean Plastic Innovation Challenge
Articolo successivoMuro di Trump, inquinanti nel sito di detenzione temporanea

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui