Navi e aerei: Bruxelles deve puntare tutto sui carburanti sintetici

Gli e-fuel sono l’unica opzione davvero sostenibile per decarbonizzare trasporto navale e aereo. E l’UE deve stralciare biofuel e gas naturale dall’iniziativa FuelEU Maritime e dal ReFuelEU Aviation che saranno presentate a giugno

Carburanti sintetici: devono diventare il futuro per navi e aerei in Europa
Credits: StockSnap da Pixabay

T&E e altre 16 ong chiedono alla Commissione di puntare tutto sui carburanti sintetici

(Rinnovabili.it) – La rivoluzione europea dei trasporti deve passare dai carburanti sintetici. Per i settori più difficili da decarbonizzare, come navi e aerei, la soluzione non sono i biofuel o il gas bensì gli e-fuel. Questi combustibili alternativi sono l’unica opzione davvero sostenibile, sostengono 17 ong europee in una lettera alla Commissione.

La transizione energetica non arriverà dall’uso più massiccio del gas o dai combustibili prodotti a partire dalle biomasse. Il primo è visto come un palliativo dai firmatari della lettera, tra cui l’ong Transport & Environment. E i biofuel producono anche più emissioni delle fossili che dovrebbero rimpiazzare. Tutto questo mentre la disponibilità di biocarburanti avanzati di seconda (biomassa non alimentare e scarti) e terza generazione (alghe) resterà troppo bassa per soddisfare la domanda e accompagnare la transizione senza scossoni.

Leggi anche Gli elettrocarburanti? Solo per navi e aerei, non per il trasporto su strada

“I carburanti elettrici offrono un futuro pulito per i settori marittimo e aereo, ma anche per l’industria dei combustibili. L’UE deve dare loro la certezza degli investimenti di cui hanno bisogno per prosperare richiedendo a tutte le navi commerciali dell’UE e il rifornimento di aerei in Europa di effettuare progressivamente il passaggio”, rimarca Delphine Gozillon, responsabile della politica marittima per T&E.

Gli autori della lettera chiedono alla Commissione di puntare tutto sugli e-fuel già nel pacchetto di misure che saranno presentate il 14 luglio. In dettaglio, l’UE dovrebbe escludere esplicitamente i biocarburanti e il gas naturale di origine fossile dalla iniziativa europea FuelEU Maritime, e dovrebbe stralciare anche i biocarburanti di prima generazione dal ReFuelEU Aviation.

I carburanti sintetici, argomentano, avrebbero ricadute positive anche sull’occupazione. “La produzione di combustibili elettrici rinnovabili sostenibili presenta enormi opportunità economiche e occupazionali. In particolare, possono guidare gli investimenti e creare occupazione in settori quali la produzione di idrogeno, la costruzione navale europea e la produzione tecnologica, nonché le infrastrutture per il trasporto dell’energia e la ricerca e sviluppo”, si legge ancora nella lettera.

Leggi anche Singapore sceglie gli elettrocarburanti per tagliare le emissioni navali

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui