L’Italia va a 20 km/h (se va bene): Milano, Roma e Torino tra le città con più traffico al mondo

I risultati della 13° edizione del rapporto TomTom Traffic Index mostrano una tendenza dei tempi di percorrenza in ambito urbano in peggioramento in tutto il mondo. Tre le italiane fra le 20 peggiori a livello globale. A Milano, 4° in classifica, si va in media a 17 km/h e si perdono 137 ore aggiuntive negli spostamenti a causa degli ingorghi

Città con più traffico al mondo: Milano Roma e Torino tra le 20 peggiori
Foto di Veit Hammer su Unsplash

Londra, Dublino e Toronto le città con più traffico al mondo

(Rinnovabili.it) – Milano, Roma e Torino sono tra le 20 città con più traffico al mondo. Ingorghi nelle ore di punta e non solo che fanno marciare le quattro ruote a meno di 20 km/h in media. Sono i risultati dell’analisi del TomTom Traffic Index 2023, il rapporto annuale che misura lo stato della mobilità urbana per i veicoli in 387 centri urbani sparsi tra 55 paesi e 6 continenti. Basandosi sui dati forniti in tempo reale dai navigatori e dagli smartphone di oltre 600 milioni di auto.

Peggiorano le italiane tra le città con più traffico al mondo

Milano si piazza al 4° posto assoluto dopo Londra, Dublino e Toronto. Nel capoluogo meneghino si impiegano in media 28 minuti e 50 secondi per percorrere 10 km in città, in aumento di 20 secondi rispetto al 2022. Rispetto a condizioni di traffico non congestionato, si perde il 45% del tempo in più durante gli spostamenti, in tutto 137 ore aggiuntive ogni anno in media. Procedendo a una velocità media di 17 km/h.

Roma è 12° in classifica tra le città con più traffico al mondo: nella capitale si va in media a 19 km/h, perdendo 107 ore aggiuntive l’anno chiusi nell’abitacolo. Per andare a 10 km di distanza ci vogliono, mediamente, 26 minuti e 30 secondi, 40 in più del 2022. Lo stesso peggioramento anno su anno che registra Torino, 18° in classifica, dove le auto viaggiano in media a 20 km/h (come a New York) e si perdono 92 ore in più a causa del traffico.

Delle 25 città italiane analizzate, le migliori sono Taranto, Modena, Ravenna, Brescia e Parma: in tutte si viaggia in media a oltre 40 km/h e si perde meno di 1 giorno e mezzo aggiuntivo l’anno nel traffico. Ma per tutte quante i valori sono peggiori del 2022. Bologna, su cui si è scatenata la polemica per l’introduzione del limite di 30 km/h nel centro città, ha una velocità media di 32 km/h.

Trend negativo in tutto il mondo

L’andamento al 2023 conferma il generale calo della velocità media nella maggior parte delle città: delle 387 città analizzate, sono ben 228 quelle dove la velocità media è diminuita. L’aumento del consumo di carburante, dovuto ai tempi di percorrenza più lunghi, ha un impatto sui costi per gli automobilisti. “In oltre il 60% delle 351 città in cui TomTom aggrega i prezzi del carburante, il costo medio per il carburante è aumentato del 15% o più tra il 2021 e il 2023. Questo aumento dei consumi ha naturalmente un impatto diretto sulle emissioni medie di CO2 per veicolo”, nota il rapporto.

Articolo precedenteDisturbi alimentari, ripristinato il Fondo che era stato cancellato
Articolo successivoDecreto Superbonus, a rischio 40.000 cantieri: mini proroga o “sal extra” le soluzioni

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!