Bosch e Cariad testano la ricarica autonoma per i veicoli elettrici

Bosch e la consociata di Volkswagen stanno mettendo alla prova i servizi di parcheggio e ricarica senza guidatore basate sull’Automated valet parking 

ricarica autonoma per veicoli elettrici
Credits: Bosch

La ricarica autonoma per i veicoli elettrici in mostra al CES 2024

(Rinnovabili.it) – Il futuro prossimo potrebbe non avere automobili volanti ma le tecnologie di trasporto intelligenti non mancheranno di certo. Alcune delle promesse per la mobilità di domani sono in esposizione questi giorni al CES di Las Vegas, la celebre fiera dell’hi-tech. Tra queste fa capolino anche l‘Automated valet charging, nuovo servizio di ricarica autonoma per i veicoli elettrici della Bosch. Basata sull’Automated valet parking, il primo servizio di parcheggio autonomo di Livello SAE 4 al mondo, la ricarica automatica è attualmente in fase di test nell’autorimessa della stessa Bosch a Ludwigsburg. Il progetto, che vede la collaborazione di Cariad, consociata di Volkswagen, mira ad eliminare una serie di problemi legati al “pieno” delle auto elettriche.

La tecnologia è, infatti, in grado di guidare i veicoli verso un posto auto attrezzato con un punto di ricarica, dove un robot esegue automaticamente il rifornimento; per poi parcheggiare i mezzi una volta completata l’operazione. Si tratta di un sistema capace di facilitare la vita ai proprietari dei veicoli, permettendogli di risparmiare tempo e problemi. Come il pagamento di un sovrapprezzo se si disconnette il cavo di alimentazione in ritardo. Nel contempo, spiega l’azienda, la ricarica automatica dei veicoli elettrici potrebbe offrire vantaggi anche alle case automobilistiche, agli operatori delle stazioni di rifornimento, ai gestori delle autorimesse e ai distributori di energia.

leggi anche Arriva il robot per la ricarica smart delle auto elettriche

Come funziona il servizio di ricarica senza guidatore

L’infrastruttura guida il mezzo al posto auto attrezzato, dove un robot apre lo sportellino di ricarica, collegando automaticamente il cavo. Al completamento della carica della batteria, il cavo è scollegato. A questo punto il veicolo si dirige in maniera autonoma verso un normale posto auto, sfruttando le già dimostrate capacità Automated valet parking. È da circa un anno, infatti, che la tecnologia di parcheggio autonomo è in funzione nell’autorimessa P6 dell’aeroporto di Stoccarda. Bosch ha anche iniziato ad implementare la tecnologia per l’infrastruttura in altre autorimesse in Germania e sta testando il sistema a Ingolstadt nel parcheggio di Cariad riservato al personale.

leggi anche Auto elettrica e ricarica domestica, ecco la stazione che dialoga con la casa

“L’automazione svolge un ruolo fondamentale nella rivoluzione della mobilità e nella transizione all’elettromobilità. I nostri due servizi, Automated valet parking e Automated valet charging, rendono l’esperienza della mobilità più immediata per gli utenti“, ha dichiarato Manuel Maier, Vice Presidente dell’area di prodotti cross-domain per il parcheggio di Livello 4 di Bosch. “Semplificando le operazioni di ricarica, si eliminano i dubbi sulla reale autonomia dei veicoli elettrici e questo è un fattore essenziale se vogliamo che la mobilità venga accettata su vasta scala. Con questo obiettivo Bosch e Cariad possono rendere il parcheggio e la carica ancora più efficienti e pratici”.

Articolo precedenteL’Italia bersagliata da eventi estremi: record tempeste nel 2023
Articolo successivoLitio, rame, scandio: la Norvegia pescherà le risorse minerarie sui fondali oceanici

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!