Pneumatici fuori uso: definito il contributo 2015

Il contributo 2015 per la gestione e il recupero degli pneumatici fuori uso prevede l’aumento dei minimi e uno sconto per macchine agricole e industriali

Pneumatici fuori uso definito il contributo 2015

 

(Rinnovabili.it) – Dal 12 giugno entrerà in vigore il  nuovo contributo per la gestione degli pneumatici fuori uso derivanti dalla demolizione dei veicoli a fine vita per l’anno 2015. Lo ha stabilito il decreto della Direzione Generale per i rifiuti e l’inquinamento n.30/2015. Il contributo è destinato alla copertura dei costi di recupero e trattamento degli pneumatici usati, in modo da garantirne il più corretto riciclo. La cifra cresce in alcune categorie mentre cala per altre se si fa il confronto con il 2014: i ciclomotori da 1 euro scendono a 0.31, le auto passano da 2 euro a 2.31, autocarri e autobus possono oscillare dai 10.57 ai 19.51 (nel 2014 la forbice era 7.30-15.20), mentre macchine agricole, operatrici e industriali vedono aumentare il contributo minimo ma anche un taglio netto per il tetto massimo, ridotto a meno di un quinto: si va dagli 0.37 euro ai 48.19, mentre lo scorso anno il pendolo andava da 0.30 a 273 euro.

 

Pneumatici fuori uso definito il contributo 2015-
I numeri del contributo ambientale 2015 per gli pneumatici fuori uso

 

È il Comitato di gestione dei pfu a definire l’entità del contributo, mentre con apposito regolamento, contenuto nel decreto 20 gennaio 2012, sono stati definiti i parametri tecnici per l’individuazione delle diverse categorie di contributo. Le differenze vengono fatte sulla base della tipologia dei pneumatici, del peso e della tipologia del veicolo.

Lo stesso decreto definisce anche le spese relative alla gestione e all’amministrazione del Comitato e del fondo in cui è versato il contributo, riscosso dal rivenditore del veicolo al momento della vendita.
I prossimi passi del processo prevedono che il Comitato di gestione dei pfu invii all’Autorità competente (cioè la Direzione Generale per la tutela del territorio e delle risorse idriche), entro il 31 maggio 2016, il rendiconto economico della gestione dei proventi relativi all’anno 2015, e fissi poi entro la fine del mese il prossimo contributo per i gli pneumatici fuori uso.

Articolo precedenteDeforestazione illegale: così l’Europa è complice del massacro
Articolo successivoDal riciclo dei pallet l’orto urbano da balcone

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!