• Articolo Strasburgo, 5 ottobre 2017
  • Dopo 4 anni di negoziato, i piani di Bruxelles vanno in fumo

    Bocciati i criteri troppo morbidi per gli interferenti endocrini

  • La proposta della Commissione Europea sulla classificazione degli interferenti endocrini è stata respinta dal Parlamento Europeo perché troppo debole

interferenti endocrini

 

Sonora bocciatura per Bruxelles sugli interferenti endocrini

 

(Rinnovabili.it) – Il Parlamento Europeo ha respinto una proposta della Commissione Europea per disciplinare quei pesticidi che possono interferire con il sistema ormonale, chiamati anche interferenti endocrini. Si è chiuso così un capitolo cruciale della battaglia per il principio di precauzione, che ancora una volta avrebbe potuto essere indebolito per vie legali. La Commissione dovrà elaborare un nuovo testo, con quello precedente già scaduto da quattro anni. A rallentare l’iter sono state le divergenze di opinioni sulla severità delle classificazione da mettere nero su bianco. Chi vende questi prodotti chimici ha spinto per ottenere una legislazione blanda e flessibile, ma ambientalisti e consumatori hanno chiesto garanzie reali.

La Commissione aveva proposto una serie di criteri scientifici per determinare quali prodotti chimici sarebbero dovuti ricadere nella definizione di interferenti endocrini, per essere di conseguenza “condannati” ad un divieto o a una limitazione di utilizzo. La proposta però escludeva quei pesticidi appositamente progettati per agire sugli ormoni dei parassiti.

>> Leggi anche: Gli interferenti endocrini inquinano un terzo di frutta e verdura in UE <<

Gli eurodeputati promotori del testo votato ieri in plenaria, Jytte Guteland (S&D) e il Bas Eickhout (Verdi) hanno sostenuto che la Commissione ha abusato dei suoi poteri introducendo una controversa deroga nel regolamento, fortemente criticata dalle ONG dopo l’adozione dei criteri da parte degli stati membri lo scorso luglio.

interferenti endocriniIn linea di principio, il regolamento sui prodotti fitosanitari (PPP Regulation) afferma che una sostanza attiva può essere approvata solo se si ritiene che non possa alterare il sistema endocrino con effetti negativi negli organismi non-target, a meno che la loro esposizione non sia trascurabile. Ma la proposta della Commissione Europea sugli interferenti endocrini va oltre, affermando che tali sostanze possono essere approvate indipendentemente dai loro effetti sugli organismi non-target dello stesso phylum (gruppo tassonomico). Questo crea un buco normativo, violando il regolamento già in vigore e probabilmente sancendo un abuso di potere di Bruxelles.

Con 389 voti favorevoli contro 235 contrari e 70 astensioni, la plenaria di Strasburgo ha sancito che questa esenzione supera i mandati della Commissione. Pertanto, Bruxelles deve riscrivere in maniera appropriata i criteri. Il commissario per la salute e la sicurezza alimentare, Vytenis Andriukaitis, ha biasimato il voto e dichiarato di «credere fermamente che in questo caso non aver raggiunto nessun accordo sia un cattivo affare per i cittadini dell’UE».

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *