• Articolo Berlino, 21 ottobre 2016
  • Biogas Wipptal, l’eccellenza italiana che piace alla Germania

  • Il governo tedesco ha coinvolto la Biogas Wipptal in un importante progetto di ricerca e sviluppo internazionale. Obiettivo: identificare le migliori tecniche disponibili nella gestione dei reflui zootecnici

http://www.biogas-wipptal.it/

 

(Rinnovabili.it) – L’industria italiana del biogas è oggi la seconda Europa per dimensioni e tecnologia. Prima di noi c’è solo il mercato tedesco, ma la distanza che si separa dalla Germania è davvero ridotta. E lo dimostra un’eccellenza nostrana, la Biogas Wipptal s.r.l., chiamata dal Governo tedesco proprio per un nuovo progetto di ricerca dedicato per l’appunto a questo carburante.

 

L’economia circolare dell’Alto Adige

La società, fondata da un gruppo di imprenditori agricoli della Val di Vizze (BZ), è proprietaria e gestore di un impianto unico a livello italiano e non solo. Si tratta di una centrale alimentata dai reflui zootecnici prodotti dalle aziende locali, che produce energia elettrica rinnovabile e ottiene, per effetto sinergico, calore impiegato per l’essiccazione del digestato residuo dalla produzione del biogas. Questo, dopo opportuna essiccazione, si trasforma in un fertilizzante totalmente naturale, inodore e utilizzabile nelle economie locali del settore caseario, frutticolo e vinicolo.

 

Biogas Wipptal, eccellenza da replicare

Grazie all’esperienza maturata nel campo e agli ottimi frutti raccolti, il Ministero Federale dell’Ambiente tedesco e l’Agenzia Ambientale Federale Tedesca hanno deciso di coinvolgere Biogas Wipptal nel proprio progetto, riconoscendola “un’eccellenza da studiare e replicare”. Nello specifico la società contribuirà ad identificare le migliori tecniche disponibili (BAT o ‘Best Available Techniques’), ovvero le tecniche impiantistiche, di controllo e di gestione in grado garantire bassi livelli di emissione di inquinanti e l’ottimizzazione dei consumi di materie prime, nel settore della gestione degli effluenti dalla tenuta di bovini per la produzione di latte.

 

I tecnici di Biogas Wipptal s.r.l. sono chiamati a fornire un’analisi approfondita, entro marzo 2019, dello status quo in materia di trattamento e ricondizionamento di reflui e digestato, per individuare la BAT ai sensi della direttiva IED 2010/75/UE. La ricerca si inserisce in un piano d’azione volto a stabilire le possibili linee d’azione per ridurre, a livello di Unione, le emissioni di ammoniaca derivanti dallo spargimento degli effluenti zootecnici come anche le emissioni di sostanze diverse dall’ammoniaca.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *