• Articolo Londra, 21 settembre 2015
  • Insalata a km 0 dai sotterranei della città

    Da rifugio antiaereo a fattoria idroponica

  • A Londra un rifugio antiaereo della seconda guerra mondiale è stato trasformato in una fattoria idroponica di un ettaro, la più grande coltura sotterraneo al mondo

Da rifugio antiaereo a fattoria idroponica, a Londra si pensa green

 

(Rinnovabili.it) – Come la maggior parte delle capitali Europee, Londra ospita nei suoi sotterranei numerosi rifugi antiaereo, realizzati per dare un riparo alla popolazione durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale. Uno di questi enormi spazi in disuso è stato trasformato in una fattoria idroponica che produce insalata biologica a km 0.

L’idea di sfruttare gli spazi bellici per produrre verdure fresche è venuta a Richard Ballard e Steven Dring della Zero Carbon Food. 100 piedi sottoterra – a circa 30 metri – nel rifugio Clapham North germogliano baccelli di pisello, basilico thai, mizuna, coriandolo, foglie di senape, rucola, ravanelli, aglio e erba cipollina.

 

Le caratteristiche della fattoria idroponica

Zero-Carbon-Food-3L’illuminazione adatta a far crescere le piantine è garantita da sorgenti LED ad alta efficienza mentre la coltura idroponica – senza suolo con le radici che affondano in uno strato inerte irrigato – permette di utilizzare il 70% di acqua in meno di una coltura tradizionale.

La fattoria idroponica londinese copre circa un ettaro e questo la rende il più grande esempio di coltura sotterranea al mondo, in questo modo si diminuisce il consumo di suolo e si garantisce il marchio “kilometri zero” anche nel centro cittadino. Questo tipo di colture sane ed efficienti sta prendendo piede in tutto il mondo in quanto è previsto un aumento costante della popolazione mondiale e non possiamo più permetterci di lasciare spazi inutilizzati.

 

“Dobbiamo utilizzare gli spazi che abbiamo. C’è una quantità finita di terra e noi possiamo crescere insalate ed erbe – che cominciano a perdere il sapore e qualità non appena vengono tagliate – nei magazzini e sui tetti delle città vicino alle persone che le mangeranno. Il territorio rurale possiamo utilizzarlo per produrre cose come carote, patate e bestiame”, ha spiegato Steven Dring, co-fondatore della Zero Carbon Food.

 

Da rifugio antiaereo a fattoria idroponica, a Londra si pensa green

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *