Mezzo secolo di corsa pazza per i disastri climatici

Mai così frequenti, intensi e legati tra loro: negli ultimi 50 anni i disastri naturali aggravati dal cambiamento climatico sono triplicati

Disastri climatici: report FAO, sono triplicati in 50 anni
Foto di Christel SAGNIEZ da Pixabay

Il rapporto Fao sull’impatto dei disastri climatici per l’agricoltura e l’allevamento

(Rinnovabili.it) – I disastri climatici sono triplicati negli ultimi 50 anni. E’ una sfida senza precedenti quella delle catastrofi naturali e degli eventi climatici estremi. Di recente hanno acquisito frequenza, intensità e complessità superiori a qualsiasi altro momento dell’ultimo mezzo secolo. Un fardello pesantissimo soprattutto per l’agricoltura, che paga un prezzo sproporzionato a confronto  di altri settori.

La panoramica offerta dalla Fao nell’ultimo rapporto dell’agenzia Onu con sede a Roma non lascia spazio a molti dubbi. Siccità, inondazioni, tempeste violente, parassiti e malattie, incendi. L’impatto di questi disastri climatici – eventi naturali, ma resi più frequenti e devastanti dal cambiamento climatico – ricade per il 63% sull’agricoltura, il resto su turismo, commercio e industria.

Leggi anche I disastri climatici fanno più danni delle guerre

Questo innesca degli effetti a catena di grandi proporzioni, visto che l’agricoltura è alla base dei mezzi di sussistenza di oltre 2,5 miliardi di persone sul pianeta. La maggior parte dei quali, sottolinea la Fao, “si trova nei paesi in via di sviluppo a basso reddito”, per i quali “rimane un motore fondamentale dello sviluppo”.

Proprio questi paesi, quindi, pagano il prezzo maggiore. Dal 2008 al 2018, i disastri climatici sono costati ai settori agricoli delle economie in via di sviluppo più di 108 miliardi di dollari, tra raccolti danneggiati e diminuita produzione del bestiame. La regione nel complesso più martoriata è l’Asia che accusa perdite economiche per 49 miliardi di dollari, seguita dall’Africa (30 mld) e dall’America Latina e dai Caraibi (29 mld). Il fattore più devastante di tutti, scrive la Fao, è la siccità.

Leggi anche I disastri naturali sono raddoppiati in 20 anni: colpa dei cambiamenti climatici

Per la prima volta, in questa edizione del rapporto annuale l’agenzia Onu prova a convertire le perdite economiche in equivalenti calorici e nutrizionali per dare un’idea più plastica e viva di cosa comportino i danni provocati dai disastri climatici.

Tra devastazioni all’agricoltura e all’allevamento, la stima Fao per il decennio 2008-2018 è una perdita equivalente a 6.900 miliardi di chilocalorie all’anno. In pratica, è l’apporto calorico annuale che basta per 7 milioni di esseri umani adulti. tutto ciò, conclude la Fao, avviene con “l’impronta digitale del cambiamento climatico, che si sta materializzando molto prima di quanto previsto”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui