La pandemia cambia la spesa alimentare

Secondo i dati Istat diffusi da Coldiretti, durante il lockdown il 64% degli italiani ha scoperto la passione per la cucina

spesa alimentare
Foto di analogicus da Pixabay

(Rinnovabili.it) – Con la pandemia siamo diventati tutti chef. Secondo i dati Istat diffusi da Coldiretti, il 64% degli italiani ha scoperto la passione per la cucina, una passione scoppiata durante il lockdown dei mesi scorsi, quando andavano letteralmente a ruba farine e lieviti ad uso di improvvisati pizzaioli e di emule di nonna Papera sempre pronte a sfornare torte e biscotti.

La ripresa dei contagi e le ultime misure imposte dal Governo faranno sicuramente preferire una tranquilla serata in casa piuttosto che un assembramento fuori dai locali: mangiare a casa è meglio dell’aperitivo in mezzo a estranei. Cucinare, sperimentare, fare marmellate o la pasta fatta in casa sono diventate attività molto appealing a tutte le età. Una buona fonte di ispirazione viene dagli agrichef di Terranostra Campagna Amica, che propongono una serie di tutorial e corsi online sui piatti della tradizione contadina da realizzare dopo aver fatto la spesa di prodotti stagionali nei mercati di Campagna Amica in tutta sicurezza: gli ingressi sono contingentati e tutti gli operatori indossano guanti e mascherina. 

Leggi anche Bio in cifre 2020: nuovo record per i consumi di alimenti biologici

L’aumento della spesa alimentare domestica è coincisa con il lockdown e con lo smart working: trascorrere più tempo in casa e quindi in cucina ha fatto spendere 10 miliardi di euro in più. Lavorare in casa non solo ha consentito di prepararsi i pasti anziché acquistare cibi precotti o panini, ma l’effetto pandemia si è fatto sentire nel carrello anche per gli aperitivi: si è registrato un aumento nella vendita al dettaglio di vino (+9,4%) e birra (+16,2%), di salumi (+10,2%) e formaggi (+12,5%). 

Pizzaioli e nonna Papera hanno fato schizzare le vendite di uova (+22%) e farina (+59%). Se frutta e verdura hanno registrato rispettivamente +11,1% e +12,2%, anche  carni fresche (complessivamente +10,5%), olio extravergine di oliva (+9,5%), latte (+7,9%), pasta (+12,5%) e riso (+16%) hanno avuto un alto indice di gradimento.

L’altra faccia della medaglia è il crollo dei consumi in bar, ristoranti e pizzerie causato dalla pandemia: nel settore Horeca (hotel, ristoranti e café) la mancanza di turisti e lavoratori ha causato un calo di spesa quantificato in 34 miliardi di euro.

Leggi anche La rinascita Favolosa dell’olio pugliese contro la Xylella

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui