Le clementine antiviolenza tornano in piazza a sostegno delle donne

Le clementine antiviolenza di Confagricoltura Donna e Soroptimist tornano nelle piazze da dieci anni. Una presenza concreta che sostiene i centri antiviolenza in attesa di risposte forti dalle istituzioni e dalla società

Foto Confagricoltura Donna

di Isabella Ceccarini

Il ricavato delle vendite è devoluto ai centri antiviolenza

Le clementine antiviolenza di Confagricoltura Donna tornano nelle piazze italiane il 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Un impegno che l’Associazione mantiene dal 2013 in ricordo di Fabiana Luzzi, una giovane studentessa di Corigliano Calabro massacrata dall’ex-fidanzato in un agrumeto nella Piana di Sibari.

Proprio in questi giorni c’è stato l’ennesimo caso di femminicidio. La vittima è la 22enne Giulia Cecchettin, assassinata dall’ex-ragazzo.

Anche quella psicologica è una violenza

Ricordiamo sempre da che parte stanno le colpe e teniamo gli occhi aperti: gelosia esagerata, pretesa di possesso, ostacoli al lavoro, ricatti emotivi, mania di controllo, isolamento dagli altri, distruzione dell’autostima non sono segni di debolezza dell’uomo da sopportare con pazienza ma sirene di allarme.

Sono forme di violenza grave, la violenza psicologica non è meno grave di quella fisica.

Le battute sessiste e i commenti pesanti non sono una manifestazione di goliardica virilità, sono una mancanza di rispetto che apre la strada a prevaricazioni e comportamenti violenti. Parole che definiscono i comportamenti e cancellano il senso del limite.

E per favore evitiamo di creare forme di empatia con l’assassino perché non è lui la vittima: l’amore non uccide, non è violento e non distrugge la vita della persona amata.

Se la maggioranza delle violenze è opera di mariti, compagni, fidanzati dobbiamo interrogarci con grande attenzione. Se una donna su tre, nel corso della vita, ha subito una violenza (fisica, verbale o psicologica) c’è qualcosa che non va nella società.

Uscire da questo tunnel comporta un impegno forte da parte di istituzioni, politica, scuola, famiglie: è evidente che la società ha bisogno di un radicale cambiamento culturale.

Leggi anche Clementine nelle piazze contro la violenza di genere

La campagna di Soroptimist per identificare i segnali premonitori

«Siamo orgogliose di inserire le clementine antiviolenza di Confagricoltura Donna al centro del vasto programma di contrasto alla violenza contro la donna che Soroptimist International d’Italia mette in atto.

Insieme al sostegno ai centri antiviolenza, continua con successo anche quest’anno la nostra campagna READ THE SIGNS: identificare i segnali premonitori è il primo modo per prevenire le violenze», dichiara Giovanna Guercio, presidente nazionale di Soroptimist.

Confagricoltura Donna e Soroptimist International aderiscono alla campagna “Orange the World” sostenuta da UN Women, l’organizzazione delle Nazioni Unite che promuove l’uguaglianza di genere e l’emancipazione delle donne.

L’arancione rappresenta un futuro libero dalla violenza contro donne e ragazze. Le clementine antiviolenza sono quindi un segnale e un richiamo all’attenzione delle nostre coscienze distratte. Il ricavato delle offerte va a sostenere i centri antiviolenza sul territorio (che, ahimè, vedono erodersi sempre di più i fondi loro destinati, anche se ce ne sarebbe un gran bisogno).

Leggi anche Clementine antiviolenza da Confagricoltura Donna e Soroptimist

In quali piazze trovare le clementine antiviolenza di Confagricoltura Donna

Afferma Alessandra Oddi Baglioni, presidente di Confagricoltura Donna: «La violenza è un atto criminale complesso: una tremenda piaga sociale che lede i diritti umani e non deve restare solo una questione femminile. Per questo è necessario sensibilizzare soprattutto gli uomini e le nuove generazioni. Il 25 novembre è un giorno importante per sradicare in modo concreto questo terribile fenomeno.

Il nostro impegno è cresciuto negli anni e vorremmo risposte concrete e forti dalle istituzioni e dalla società affinché la violenza di genere, purtroppo in costante aumento, venga energicamente contrastata e, ci auguriamo, definitivamente eliminata».

Le socie di Confagricoltura Donna distribuiranno le clementine antiviolenza con Soroptimist International d’Italia nelle piazze di Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Umbria, Lazio, Puglia, Calabria e Sicilia. Per vedere l’elenco delle piazze e le date clicca qui.

Sui social seguite #OrangeConfagri #OrangeTheWorld e #ColtiviamoConsapevolezza

Articolo precedenteLe 3 start up food tech più innovative del 2023
Articolo successivoFinanza climatica, finalmente l’UE apre il portafoglio: +24% nel 2022

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!