Clementine nelle piazze contro la violenza di genere

Anche quest’anno Confagricoltura Donna e Soroptimist portano nelle piazza le clementine contro la violenza di genere

«Nella Giornata Internazionale contro la violenza di genere Confagricoltura Donna contribuisce a Orange the world con l’agrume simbolo dell’antiviolenza in ricordo di Fabiana Luzzi, la giovane studentessa di Corigliano Calabro, uccisa dal suo ex fidanzato in un agrumeto della Piana di Sibari.

I comportamenti violenti sono, purtroppo, declinati in vari modi all’interno delle mura domestiche, familiari e lavorative, a prescindere dal contesto economico e culturale.

Il 25 novembre è un giorno importante, che non deve però rimanere un episodio rituale, ma porre le basi concrete per sradicare questo terribile fenomeno.

Occorre rinforzare la rete dei centri antiviolenza sul territorio e il forte e concreto impegno delle istituzioni», ha affermato Alessandra Oddi Baglioni, presidente di Confagricoltura Donna

In Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna, Umbria, Lazio, Campania, Puglia, Calabria e Sicilia le socie di Confagricoltura Donne saranno nelle piazze insieme a Soroptimist International d’Italia per distribuire le clementine in cambio di un’offerta libera, che sarà devoluta ai centri antiviolenza del territorio.

«Le Soroptimiste di tutta Italia sono orgogliose di poter dare un aiuto ai centri antiviolenza grazie alla collaborazione con Confagricoltura Donna.

L’entusiasmo per questa campagna è testimoniato dal moltiplicarsi, di anno in anno, delle iniziative Soroptimiste che hanno al centro la vendita delle “clementine antiviolenza” e che vanno ad inserirsi in un vasto programma di contrasto alla violenza contro la donna, che Soroptimist mette in atto.

La campagna di quest’anno READ THE SIGNS è rivolta proprio alla prevenzione della violenza, attraverso l’identificazione dei segnali premonitori», ha sottolineato la presidente nazionale di Soroptimist International d’Italia, Giovanna Guercio.

Articolo precedenteSERR 2022: quando i rifiuti tessili sono “fuori moda”
Articolo successivoCity Tree, l’arredo urbano green che combatte l’inquinamento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui