Obesity Day 2021, misurato l’effetto pandemia

Durante la pandemia il 46% degli italiani è aumentato di peso, dicono i dati diffusi in occasione di Obesity Day. Chi ne ha fatto le spese sono stati soprattutto bambini e ragazzi che hanno consumato grandi quantità di cibo spazzatura. Ripartiamo dall’educazione alimentare, suggerisce Coldiretti

obesity day
Foto di Steve Buissinne da Pixabay

Il peso della pandemia protagonista dell’Obesity Day 2021

Il peso della pandemia. È proprio il caso di dirlo, visto che il 46% degli italiani è aumentato di peso a causa del Covid-19. Il dato è stato riportato dall’analisi di Coldiretti su dati Istat in occasione dell’Obesity Day 2021, promosso dall’ADI-Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica.

Dovendo rimanere tanto tempo chiusi in casa, la tentazione di entrare in cucina è stata irresistibile e gli effetti non si sono fatti attendere.

Più colpiti gli uomini

Se da un lato c’è stata una maggiore attenzione a preparare e consumare in casa cibo di qualità ­– che ha anche aiutato le imprese agroalimentari a bilanciare le perdite dovute alla chiusura di alberghi, bar e ristoranti – dall’altro si è commesso qualche peccato di gola consolatorio di troppo. La tendenza a mangiare di più, tuttavia, non è stata compensata da un’adeguata attività fisica.

Durante la pandemia 1 persona su 4 ha dichiarato di aver mangiato di più. I più colpiti? Gli uomini. Il 55% della popolazione maschile ha messo su qualche chilo di troppo, mentre le donne sono riuscite meglio a tenere l’appetito sotto controllo; per loro la percentuale di “arrotondamento” si è fermata al 37%. I dati mostrano anche differenze a livello territoriale: se al Centro è andata meglio (42%), il Nord ha tenuto (43%) mentre al Sud i cedimenti sono stati più numerosi (50%).

Cibo spazzatura per bambini e ragazzi

I dati di Obesity Day mostrano inoltre che bambini e ragazzi hanno patito gli effetti peggiori dal punto di vista alimentare. Niente sport né relazioni con i coetanei, niente scuola. Il tempo in casa è trascorso nell’immobilità fra televisione, videogiochi e didattica a distanza: un mix deleterio per la loro salute.

Secondo uno studio dell’Università di Buffalo con l’Università di Verona il tempo dedicato a queste attività “immobili” è cresciuto di 5 volte rispetto alla media pre-Covid. Peggio che mai è andata per i bambini che vivono nelle grandi città, dove è più raro avere a disposizione un giardino o uno spazio verde per fare un po’ di moto.

Stando ai dati di Obesity Day, bambini e adolescenti hanno consumato un pasto in più e tutt’altro che salutare: cibi spazzatura, merendine, bibite gassate, snack di vario genere. Ovviamente di frutta e verdura neanche a parlarne, yogurt o latte questi sconosciuti.

Educazione alimentare

Coldiretti, già lo scorso giugno, ha dato vita alla prima festa dell’educazione alimentare: la festa rientra nel progetto “Educazione alla Campagna Amica” che continua con varie iniziative per i ragazzi delle elementari e delle medie. L’obiettivo è quello di formare consumatori consapevoli sui principi della sana alimentazione e della stagionalità dei prodotti. Un modo per valorizzare i fondamenti della dieta mediterranea e ricostruire il legame che unisce il cibo ai prodotti della terra.

L’educazione alimentare è un tema fondamentale per la salute dei giovani. Alla luce dei risultati di Obesity Day, Coldiretti sostiene l’importanza di «offrire nelle mense scolastiche prodotti a chilometro zero che valorizzino i prodotti nazionali garantendo genuinità e freschezza».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui