Solo l’abbandono immediato delle energie fossili può salvarci dal cambiamento climatico

L’abbandono progressivo delle energie fossili dovrebbe cominciare subito e concludersi entro i prossimi 40 anni: solo così ci sarebbe un 64% di possibilità di rimanere entro 1,5°C di aumento di temperatura globale

cambiamento climatico
Credit: Pxhere- (CC0 1.0)

 

Per rimanere entro un aumento di temperature di 1,5°C dovremmo smettere da subito di produrre nuovi impianti alimentati a energia fossile

(Rinnovabili.it) – Agire subito: l’imperativo lanciato dalla comunità scientifica non è mai stato così impellente. Una serie di dati mostra come il cambiamento climatico sia contenibile entro un aumento massimo di 1,5° C ma solo a patto di avviare immediatamente la fase di abbandono progressivo di ogni combustibile fossile.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Communications, afferma che se ogni infrastruttura alimentata a energia fossile (impianti energetici, fabbriche, veicoli, navi e aerei) venisse rimpiazzata da alternative a zero emissioni al termine della vita produttiva, ci sarebbe un 64% di possibilità di rimanere al di sotto di un aumento di temperatura di 1,5° C rispetto all’era preindustriale.

 

I ricercatori dell’Università di Leeds hanno utilizzato modelli matematici per stimare l’aumento di temperatura globale in caso di abbandono immediato dell’energia fossile. Convertendo le principali infrastrutture alimentate a energia fossile al termine della loro “vita media” (calcolata in 40 anni per gli impianti di produzione energetica, 15 per i veicoli e 26 per gli aerei), ci sarebbero circa il 64% di possibilità di contenere il riscaldamento mondiale sotto la soglia critica dell’1.5° C, percentuale che si dimezzerebbe (33%) se la fase di abbandono del fossile dovesse iniziare solo nel 2030.

 

>>Leggi anche Gli oceani perdono ossigeno: così il climate change mette a rischio la vita marina<<

 

Un obiettivo quasi impossibile da raggiungere a meno di un radicale cambiamento nelle società: gli autori dello studio, infatti, insistono a sottolineare come non siano i cambiamenti climatici, in sé, a impedirci di raggiungere l’obiettivo quanto piuttosto le scelte della società globale.

 

“L’immediato abbandono delle energie fossili è al limite del realizzabile. Essenzialmente, stiamo affermando che non possiamo permetterci più la costruzione di nessuna nuova infrastruttura alimentata a energia fossile – ha commentato il primo firmatario della ricerca, Christopher Smith – Stiamo andando nella direzione giusta, ma non credo che lo stiamo facendo abbastanza e abbastanza velocemente. Probabilmente raggiungeremo un aumento delle temperature di 2-2,5° C. Resta cruciale porsi un obiettivo: se non ne hai uno, non puoi andare da nessuna parte. Avere un obiettivo molto difficile da raggiungere e mancarlo di poco è comunque meglio che avventurarsi alla cieca in un futuro davvero poco promettente per chiunque”.

 

>>Leggi anche IPCC: servono sforzi incredibili per limitare riscaldamento a 1,5 °C<<

Articolo precedenteDazi Ue sull’acciaio, quali ripercussioni sulle rinnovabili?
Articolo successivoAtteso nuovo boom dei green bond, Enel apre le danze

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui