La strage di biodiversità che altera fiumi e laghi

Un team di ricercatori da 16 paesi ha realizzato la prima valutazione globale della salute degli ecosistemi fluviali e lacustri. In Europa metà dei corsi d’acqua non offre condizioni di vita ottimali per pesci e insetti

Biodiversità: solo il 14% dei fiumi nel mondo è intatto
Foto di David Mark da Pixabay

Solo il 14% dei fiumi nel mondo è intatto, biodiversità a rischio

(Rinnovabili.it) – La prima fotografia globale dello stato di salute dei fiumi e dei loro ecosistemi non lascia molto spazio all’ottimismo. In metà dei fiumi del mondo l’uomo sta lasciando un impatto profondo sulla biodiversità. E sono davvero pochi quelli dove il fattore umano non ha ancora intaccato le dinamiche naturali.

Lo afferma lo studio più esaustivo condotto finora sull’argomento, a cui hanno lavorato scienziati provenienti da 16 paesi diversi di tutti i continenti. Non si tratta di una vera valutazione globale, però: non perché i ricercatori abbiano limitato di proposito il monitoraggio, ma perché per alcune regioni non sono disponibili dati di alcun tipo.

Leggi anche Biodiversità a rischio: l’allarme dell’UE, l’80% degli habitat è degradato

Gli ecosistemi fluviali e lacustri sono fondamentali per la biodiversità e anche per sostenere la vita dell’uomo sulla Terra. Anche se costituiscono appena l’1% della superficie terrestre, infatti, ospitano più di 17mila specie di pesci, che rappresentano ¼ di tutti i vertebrati. Oltre a essere fonti preziose di acqua dolce, e sostenere in vari modi l’economia umana.

Ma soltanto il 14% dei fiumi ospita delle popolazioni di pesci che si possono dire al sicuro dall’impatto dell’azione umana. E laddove l’uomo è arrivato, i risultati sono decisamente preoccupanti, riassume il team di ricercatori. La biodiversità in più della metà dei siti per cui sono disponibili dati è stata profondamente modificata. Con alcuni picchi, ad esempio in Nuova Zelanda e in Giappone. Nell’arcipelago australe dal 1990 a oggi il 70% delle specie di pesci presenti sono state dichiarate minacciate o in pericolo. Per gli ecosistemi giapponesi la percentuale scende al 42%.

Leggi anche Atlante dei fiumi europei, frammentati da 1,2 milioni di barriere

Anche l’Europa però non ha una situazione migliore, nel complesso. Metà dei corsi d’acqua dolce del vecchio continente, infatti, presentano condizioni di vita tutt’altro che ottimali per pesci e macroinvertebrati come gli insetti .

Una ricerca recente, pubblicata alla fine del 2020, spiegava che i fiumi europei a flusso libero sono diventati sempre più rari. La costruzione di dighe, installazioni per il microidroelettrico, o altre opere che alterano il naturale scorrere delle acque e il passaggio di nutrienti e di fauna, sono anzi all’ordine del giorno. Solo in Europa sarebbero 1,2 milioni, con il risultato di frammentare i corsi d’acqua e causare effetti devastanti sugli ecosistemi acquatici.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui