I popoli indigeni sono la miglior tutela contro la deforestazione

Il rapporto congiunto Fao – Filac passa in rassegna 300 studi scientifici che analizzano la perdita di foreste, l’andamento della biodiversità e quello delle emissioni di CO2. I popoli indigeni fanno anche meglio delle aree protette

Deforestazione e biodiversità: lasciate le foreste ai nativi, dice la Fao
via depositphotos.com

Dove la governance è condivisa con i nativi, il tasso di deforestazione è la metà

(Rinnovabili.it) – La miglior tutela per le foreste? Le popolazioni indigene. Deforestazione, perdita di biodiversità ed emissioni di carbonio sono decisamente minori nelle regioni dove la protezione e gestione di questi ecosistemi è affidata ai nativi. Un modello da studiare e replicare su scala vasta, scrivono la Fao e il Fondo per lo sviluppo dei popoli indigeni dell’America Latina e dei Caraibi (Filac) nel rapporto “Forest governance by indigenous and tribal people”.

I numeri parlano molto chiaro. Il tasso di deforestazione è più basso del 50% nelle foreste dove vivono popolazioni indigene e dove queste sono coinvolte attivamente nella governance dell’ecosistema. E riescono ad arrivare a livelli di efficacia addirittura superiori a quelli delle aree protette. Tra il 2006 e il 2011, ad esempio, i territori indigeni dell’Amazzonia peruviana hanno ridotto la deforestazione del doppio rispetto alle aree protette con condizioni ecologiche e accessibilità simili.

Leggi anche Deforestazione: siamo oltre il punto di non ritorno?

Quando il rapporto si concentra sull’Amazzonia, il quadro diventa ancora più chiaro. Nel bacino amazzonico, che ospita almeno il 10% della biodiversità conosciuta al mondo, la deforestazione colpisce praticamente ovunque. Ma i livelli di distruzione delle foreste nei territori indigeni dal 2003 al 2016 sono stati inferiori rispetto ad altre aree protette. In più, i territori indigeni coprono un totale del 28% del bacino amazzonico ma rappresentano solo il 2,6% delle emissioni di carbonio.

E nel frenare deforestazione e perdita di biodiversità, la legge conta. Secondo la Fao, la tutela delle foreste garantita dai popoli indigeni è più alta quando questi ultimi hanno dei diritti collettivi sull’area, legalmente riconosciuti dagli Stati. Un problema particolarmente acuto nel bacino amazzonico, dove i nativi hanno dei diritti soltanto su un terzo dei territori dove sono effettivamente stanziati.

Leggi anche Perdita di biodiversità: un milione di specie viventi sono in via di estinzione

E sarebbe conveniente anche dal punto di vista economico garantire ai popoli indigeni queste forme di tutela legale. Per mappare un ettaro di foresta e fare tutto il percorso burocratico che sfocia nel riconoscimento di un diritto collettivo per i nativi servono 45 dollari, calcola la Fao. Che è incredibilmente di meno di quanto si spende per sviluppare tecnologie come quelle per la cattura e lo stoccaggio della CO2 (CCS), ad esempio.

“I popoli indigeni hanno un concetto diverso di foreste. Non sono viste come un luogo in cui si estraggono risorse per aumentare i propri soldi – sono viste come uno spazio in cui viviamo e che ci viene dato da proteggere per le prossime generazioni “, ha affermato la presidente di Filac, Myrna Cunningham, un’indigena del Nicaragua.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui