Studio Greenpeace: allevamenti intensivi e deforestazione distruggono la biodiversità

Nei giorni della Cop27 Greenpeace pubblica uno studio sulla relazione tra allevamenti intensivi e deforestazione con la perdita di biodiversità

biodiversità
via depositphotos.com

(Rinnovabili.it) – In occasione della giornata della COP27 dedicata alla biodiversità, Greenpeace pubblica uno studio sulla perdita di biodiversità in Europa, generata dagli allevamenti intensivi e dalla deforestazione; un’attività quest’ultima spesso legata alla realizzazione di prodotti di breve durata come carta o legna da ardere. Lo studio racconta una serie di casi specifici in cui la biodiversità del continente è messa a rischio senza interventi decisi da parte dei governi europei. 

“L’Europa deve fare ordine in casa propria se vuole dimostrare una vera leadership globale nella protezione della natura e del clima. La realtà sul campo è lontana dagli impegni presi sulla carta: continuiamo a disboscare preziose foreste che ci proteggono dagli eventi meteorologici estremi, anche in aree protette Natura 2000, o a inquinare per produrre a livello intensivo sempre più carne e latticini. I governi europei ora devono cambiare marcia e accelerare gli sforzi per porre fine alla perdita di biodiversità e di natura”, ha dichiarato Federica Ferrario, responsabile campagna agricoltura di Greenpeace Italia.

Allevamenti intensivi e deforestazione stanno ammazzando la biodiversità in Europa

Failing nature. How life and biodiversity are destroyed in Europe” è un’indagine su  Italia, Austria, Belgio, Bulgaria, Danimarca, Germania, Paesi Bassi, Polonia, Romania, Spagna, Svezia, Svizzera e Ungheria, che misura gli impatti dei 13 paesi sulla natura attraverso una serie di attività come agricoltura intensiva, pesca, deforestazione, allevamenti intensivi e progetti di infrastrutture obsolete. 

Dal 7 al 19 dicembre si terrà il vertice ONU sulla biodiversità, che farà il punto sulla soluzione globale e dovrà fornire un quadro internazionale per il prossimo decennio. L’invito, da parte della ONG, è che i governi raggiungano un accordo globale con obiettivi vincolanti, che consenta di mettere al sicuro almeno il 30% di suoli e oceani entro il decennio, nel rispetto dei diritti delle popolazioni indigene e delle comunità locali in generale, con investimenti in conservazione e sanzionando le attività distruttive. La richiesta della ONG è che i leader europei guidino in questo senso la discussione: “I capi di Stato dell’Unione Europea devono dare prova di leadership al prossimo vertice sulla biodiversità. L’Europa e il mondo hanno bisogno di un New Deal per la natura”.

Articolo precedenteCelle solari tandem solo perovskite, è di nuovo record
Articolo successivoGli esseri umani sono il miglior indicatore della presenza di microplastiche nei fiumi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui