Trivelle nell’Artico, Biden cancella la decisione più controversa di Trump

Bloccati i permessi rilasciati per lo sfruttamento di 6mila km2 all’interno dell’Arctic Wildlife National Refuge, parco nazionale nel nord dell’Alaska prezioso per la biodiversità della regione e dimora di tribù di nativi

Trivelle nell’Artico: Biden salva l’Arctic Wildlife National Refuge
By John and Karen Hollingsworth, U.S. Fish and Wildlife Service – http://www.public-domain-image.com/public-domain-images-pictures-free-stock-photos/nature-landscapes-public-domain-images-pictures/hill-public-domain-images-pictures/coastal-plain-arctic-national-wildlife-refuge.jpg, Public Domain, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=24909148

Stop alle trivelle nell’Artico mentre è incorso una revisione dei permessi ambientali rilasciati dall’ex presidente

(Rinnovabili.it) – Stop ai permessi per le trivelle nell’Artico rilasciati da Trump per una delle aree più controverse. La decisione della segretaria all’Interno degli Stati Uniti, Deb Haaland, riguarda i contratti di leasing nell’Arctic Wildlife National Refuge.

Si tratta di un parco nazionale istituito 60 anni fa e da decenni nel mirino delle compagnie petrolifere perché cela riserve per oltre 10 miliardi di barili di petrolio. È dimora di alcune popolazioni di nativi americani e luogo di migrazione di orsi polari e caribù, ma soprattutto un elemento molto prezioso nella difesa della biodiversità e dell’ecosistema artico in Alaska.

Leggi anche Ultimo atto di Trump, via libera alle trivelle in Alaska

Trump aveva provato fin dal 2017 a smantellare i regolamenti che proteggevano la regione dallo sfruttamento delle risorse del sottosuolo. L’area interessata si estende per circa 6mila km2 lungo la pianura costiera nel nord-est dell’Alaska. Ospita numerose specie animali, tra cui la sottopopolazione di orsi polari del Mare di Beaufort meridionale, che ha numeri in diminuzione, e il caribù di Grant, che è sacro al popolo nativo Gwich’in.

La faccenda è rimasta sottotraccia per anni fino alle ultime elezioni. Appena dopo la sconfitta elettorale Trump ha accelerato l’iter e dato il via alle prime aste, anche forzando tempi e modalità della concessione dei permessi. Un ultimo regalo a petrolieri e compagnie minerarie prima di lasciare la Casa Bianca. Ma il cadeau rischia di diventare una polpetta avvelenata e guastare i rapporti con la nuova amministrazione anzitempo, hanno pensato tutte le major americane del petrolio. Le aste si sono svolte a inizio gennaio ma sono andate deserte eccezion fatta per una manciata di piccole compagnie dell’Alaska.

Leggi anche Fallisce il piano di Trump per riportare le trivelle in Alaska

Lo stop di Biden consolida anche dal punto di vista legale la protezione del parco nazionale. La decisione arriva mentre è in corso una revisione dei permessi e delle procedure usate da Trump in questo e altri casi simili. Secondo il dipartimento dell’Interno, nel caso dell’Arctic Wildlife National Refuge sarebbero molte le irregolarità già riscontrate.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui