C’è il cambiamento climatico dietro la devastante alluvione in Sudafrica?

Il bilancio dei morti, mercoledì notte, ha raggiunto quota 306. In 48 ore è caduta metà della pioggia di un anno intero. Pesantissimo anche il conto dei danni materiali. L’evento non è una tempesta tropicale ma del maltempo causato dal fenomeno meteorologico locale cut-off low (COL)

Alluvione in Sudafrica: più di 300 morti, qual è il ruolo del climate change?
via depositphotos.com

L’alluvione in Sudafrica ha colpito la provincia orientale di KwaZulu-Natal

(Rinnovabili.it) – La città di Durban e l’intera provincia orientale di KwaZulu-Natal sono alle prese con forti inondazioni che hanno devastato l’area. Altissimo il numero dei morti: l’alluvione in Sudafrica finora ha causato 306 decessi, ma il conto potrebbe continuare a salire man mano che i soccorsi continuano a operare. “Questo disastro fa parte del cambiamento climatico. Ci sta dicendo che il cambiamento climatico è serio, è qui” ha detto il presidente Cyril Ramaphosa ieri, visitando alcune delle aree colpite. “I ponti sono crollati. Le strade sono crollate. La gente è morta. Questa è una catastrofe di proporzioni enormi”.

Qual è esattamente il ruolo del cambiamento climatico nell’intensità dell’alluvione in Sudafrica resta da stabilire. Ma le piogge che si sono abbattute sull’area sono certamente le più copiose da 60 anni a questa parte. Su alcune parti della provincia sono caduti 450 millimetri di pioggia in 48 ore, praticamente metà della pioggia che scende in un anno su Durban.

Leggi anche Gli estremi climatici sono la nuova normalità

La regione sud-orientale dell’Africa è spazzata regolarmente, in questi mesi, da tempeste e cicloni tropicali che si formano nell’oceano Indiano. E che oggi sono più intensi e frequenti a causa del cambiamento climatico. Ma dietro l’alluvione in Sudafrica non ci sono questi fenomeni. C’è invece un sistema meteorologico noto come cut-off low (COL), un sistema di bassa pressione che ha portato pioggia e freddo in gran parte del paese. Quando però le tempeste hanno raggiunto il clima più caldo e umido della provincia di KwaZulu-Natal, si è riversata ancora più pioggia.

A livello locale, per ogni aumento di 1 grado di temperatura dell’atmosfera, l’umidità dell’aria cresce in media del 7%. Questo può aumentare l’intensità delle precipitazioni: più acqua c’è in sospensione in aria, più acqua può scendere sotto forma di pioggia. Si tratta di un fenomeno che si verifica in tutto il mondo e che, per esempio, ha contribuito ad aggravare il bilancio del Medicane Apollo che ha colpito la Sicilia orientale tra Catania e Siracusa lo scorso ottobre.

Leggi anche Ecco le prove: c’è la crisi climatica dietro l’alluvione in Nord Europa

Articolo precedenteInstallare pannelli fotovoltaici contro la crisi idrica
Articolo successivoLa nuvola di pergolati di Bjarke Ingels per la nuova sede della Commissione Europea

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui