Il caldo estremo più precoce di sempre fa boccheggiare l’Europa

L’ondata di calore che ha toccato prima Spagna e Francia e poi il resto dell’Europa centrale la scorsa settimana è arrivata con molto anticipo rispetto alla norma. E ha fatto registrare già a giugno dei record assoluti di temperatura in molti paesi

Caldo estremo: nuovi record in Francia, Germania, Polonia
crediti: Met office

Con temperature da pieno agosto, il caldo estremo ha infranto record in mezza Europa

(Rinnovabili.it) – La prima, consistente ondata di calore del 2022 è una finestra per osservare cosa significa vivere in un mondo anche solo 1,5 gradi più caldo. Quella che ha portato caldo estremo e infranto record di temperatura in mezza Europa è la cupola di calore più precoce da quando esistono le rilevazioni scientifiche. Oggi, con il riscaldamento globale che ha raggiunto “appena” gli 1,2 gradi sopra i valori di metà ‘700, abbiamo avuto a metà giugno – e prima dell’inizio dell’estate astronomica – temperature tipiche di fine luglio-inizio agosto.

Tutti i record del caldo estremo in Europa

La Francia, insieme alla Spagna, è stato il primo paese a essere investito dall’ondata di calore generata da un afflusso di aria calda proveniente dall’Africa occidentale. A Biarritz, dove la media storica per questo periodo è di 22°C, la colonnina di mercurio è salita fino a 42,9°C. Un valore che, in tutta la sua storia, la città affacciata sull’Atlantico ha toccato soltanto una volta: era il mese di agosto del 2003, nel bel mezzo di un’ondata di caldo estremo che fece, solo in Francia, almeno 15mila morti. A San Sebastian, nei paesi baschi spagnoli, il 18 giugno la temperatura è arrivata a 43,5°C, infrangendo il primato di caldo precedente per qualsiasi mese di ben 4,5 gradi (risaliva al 30 luglio 2020).

Dopo essere stato “imprigionato” per alcuni giorni sulla penisola iberica e la Francia, tra sabato e domenica il caldo estremo si è allargato all’Europa centrale. Anche qui, mietendo una serie piuttosto lunga di record. In Svizzera il 19 giugno i termometri di Beznau hanno raggiunto i 36,9°C, pareggiando il record precedente registrato a Basilea nel ’47. Primato, invece, per le notti tropicali, con temperature che non sono scese sotto i 22-23°C.

In Austria, a Feldkirch, i 36,5°C registrati sono la temperatura più alta per il mese di giugno. Pareggiato anche il record mensile in Polonia con i 38,3 gradi di Slubice, al confine con la Germania. Qui i nuovi record sono apparsi in una ventina di località sparse per tutto il paese. Primato assoluto di caldo a Dresda e Cottbus con 39,2 gradi: mai così alta la temperatura dell’inizio delle rilevazioni, nel 1881. In Germania la temperatura media il 19 giugno è stata di 29,58 gradi, ben 13°C più della media storica.

Articolo precedenteSanta Chiara Lab inaugura il primo laboratorio idroponico
Articolo successivoBonus accumuli, ecco le regole per il credito d’imposta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui