L’Artico sprofonda: la stima più precisa dei danni dello scioglimento del permafrost

Il 70% delle infrastrutture presenti a nord del 66° parallelo, e il 30-50% delle infrastrutture critiche, sono da considerare ad alto rischio entro il 2050. La manutenzione di gasdotti, strade e edifici costerà 15,5 mld di dollari, ma non basterà per evitare oltre 20 mld di ulteriori danni

Scioglimento del permafrost: a rischio il 70% delle infrastrutture nell’Artico
via depositphotos.com

Lo studio sullo scioglimento del permafrost usa l’analisi di immagini satellitari

(Rinnovabili.it) – Il 70% delle infrastrutture presenti nell’Artico hanno un alto rischio di essere danneggiate a causa dello scioglimento del permafrost Le fondamenta delle abitazioni cedono, le strade sprofondano, le tubature interrate si deformano o si crepano. Il fenomeno riguarda anche l’industria dell’oil&gas: gasdotti, oleodotti e opere collegate (strade, depositi, porti) sono circa il 70% delle nuove costruzioni nell’area dal 2000 a oggi.

È già una realtà in alcune parti della regione che si estende oltre i 66° di latitudine nord, tra l’Alaska e la penisola scandinava. Ma riguarderà tutto l’Artico intorno al 2050. In particolare, sono da considerare ad alto rischio fra il 30 e il 50% delle infrastrutture critiche. Le stime arrivano da uno studio condotto da un team di ricerca internazionale e apparso su Nature Reviews Earth & Environment, che si basa sull’analisi delle immagini satellitari per monitorare lo sviluppo dello scioglimento del permafrost.  

Leggi anche L’Antrace liberato dallo scioglimento del permafrost

Alle latitudini più estreme, il terreno è perennemente ghiacciato. Ma quelle regioni sono anche le più colpite dal cambiamento climatico. In media, l’Artico si riscalda a velocità doppia rispetto al resto del pianeta, di circa 1°C ogni decennio. L’aumento delle temperature provoca lo scioglimento del permafrost. È un processo graduale, che tra gli altri impatti libera il metano rimasto intrappolato e può “risvegliare” alcuni patogeni come il bacillo dell’antrace.

Secondo lo studio, nei prossimi 30 anni a rischio sarebbero almeno 120mila edifici, 40mila km di strade e 9.500 km di pipeline per idrocarburi. In particolare, il pericolo è maggiore per alcune autostrade canadesi, per il Trans-Alaska Pipeline System, e per le città russe di Vorkuta, Yakutsk e Norilsk. Le ripercussioni possono essere globali. Basta pensare a Norilsk, centro urbano ignoto ai più ma dal cui territorio si ricavano 1/3 del palladio mondiale, ¼ del platino, 1/5 del nickel e il 10% del cobalto estratti sul pianeta. Lo scioglimento del permafrost è un processo lento e graduale, che dà tempo per prendere delle contromisure. Ma il costo è salatissimo, stima lo studio. La manutenzione delle infrastrutture a rischio costerà circa 15,5 mld di dollari al 2050, e non riuscirà comunque a impedire danni per 21,6 mld di dollari.

Leggi anche Addio obiettivi sul clima se l’Artico brucia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui