Clima: accordo USA-Cina sul taglio delle emissioni

L’Apec ha dato i suoi frutti. Pechino e Washington hanno trovato un accordo sul clima che porterà al taglio delle emissioni in vista di Parigi 2015

Clima accordo USA-Cina sul taglio delle emissioni-

 

 

(Rinnovabili.it) – Per la prima volta la Cina parla di ridurre le emissioni, di strategie per il cambiamento climatico e di target per le energie rinnovabili. Per la prima volta, invece, gli Stati Uniti siglano un accordo sul clima con la Cina. È segno che il vertice Apec (Asia Pacific Economic Cooperation), conclusosi ieri, stavolta ha dato i suoi frutti. A farla da padrone è stato il Paese ospitante, che ha sfruttato le debolezze di Russia e USA – la prima messa all’angolo dalle sanzioni occidentali, i secondi con un governo in cerca di riscatti dopo la batosta alle elezioni di midterm – per mettere a segno colpi importanti. Da una parte l’accordo multimiliardario sul gas, dall’altra il patto sul clima per il taglio della CO2.

 

Quest’ultimo è arrivato proprio nell’ultimo giorno, con una stretta di mano tra i due presidenti, Barack Obama e Xi Jinping. Le due grandi potenze, che sono anche i due più grandi inquinatori del mondo, si sono accordate secondo questi parametri: gli USA garantiranno un abbattimento del 26-28% delle emissioni (rispetto ai livelli del 2005) entro il 2025, la Cina invece giura che raggiungerà il picco entro il 2030, magari un po’ prima. A questa, che non sembra in effetti una grande concessione, Xi aggiunge un target di rinnovabili del 20% nel consumo energetico cinese al 2030. Si tratterebbe di un raddoppio rispetto al 10% del 2013, che per il dragone vale a dire la necessità di sviluppare tra 800 e 1000 GW tramite eolico, solare, ma anche nucleare. Quest’ultima è infatti considerata una energia “pulita”, in quanto non emette carbonio in atmosfera. In sostanza, Pechino non si sbottona più di tanto: gli è bastata qualche facile promessa per sfruttare la debolezza politica di Washington e darsi una verniciata “green” dopo le polemiche sull’inquinamento nella capitale.

 

L’accordo, tuttavia, è salutato come fatto molto positivo. Sia perché Cina e Stati Uniti sono responsabili insieme del 45% delle emissioni globali, sia perché – seppur non trascendentale – l’impegno americano garantirà un raddoppio del ritmo di riduzione globale dell’inquinamento. Dall’1.2% annuo tra il 2005 e il 2020, si passerà al 2.3-2.8% dal 2020 al 2025. Il patto Cina-USA sul clima, inoltre, ha un terzo elemento di valore: potrebbe essere un mattone importante per la ridiscussione del protocollo di Kyoto in programma alla Cop di Parigi 2015.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui