Il Brasile rifiuta il piano Onu anti-deforestazione

Vaste aree boscose bruciate per consegnarle all’agricoltura contribuiscono al cambiamento climatico. Il patto sulla deforestazione poteva cambiare le cose

Deforestazione il Brasile non firma il piano Onu(Rinnovabili.it) – La deforestazione influisce pesantemente sul cambiamento climatico, ma in Brasile non importa a nessuno. Almeno per quanto riguarda il governo di Dilma Rousseff, che ha rifiutato di firmare un nuovo piano volto ad arginare questa pratica sconsiderata. Lo hanno sottoscritto i leader di 27 nazioni, compresi gli Stati Uniti, insieme ad alcune multinazionali. Si chiama New York Declaration on Forests, e definisce obiettivi per tagliare la deforestazione del 50% entro il 2020 per abbandonarla del tutto nel 2030. Non solo: prevede anche il piantamento di 2,5 milioni di chilometri quadrati di aree boscose in tutto il mondo. Anche l’olio di palma è entrato nell’accordo: 21 grandi compagnie hanno accettato di adoperare solo quello di piante cresciute su aree dove la deforestazione è avvenuta molto tempo fa.

Tra i firmatari anche Indonesia, Filippine e Costa Rica, tutti Paesi con grandi aree coperte dalla foresta pluviale. Unica assenza pesante, proprio quella del Brasile.

 

«Sfortunatamente non siamo stati consultati – si indigna il ministro dell’Ambiente, Izabela Texeira – Ma penso sia impossibile portare avanti una iniziativa globale sulle foreste senza il Brasile. Non ha semplicemente senso».

Le Nazioni Unite invece raccontano una storia diversa: gli sforzi per coinvolgere il governo Rousseff nella firma della Declaration on Forests sarebbero caduti nel vuoto.

 

Un grave caso diplomatico, ma soprattutto un danno inestimabile per l’ambiente. I confini brasiliani bordano infatti la seconda area coperta da foreste al mondo: 5 milioni di chilometri quadrati. L’Amazzonia viene rosicchiata dai roghi dei tagliaboschi, che cercano di liberare terreno per l’agricoltura. Con i loro incendi minacciano gravemente quel paradiso di biodiversità che è la foresta equatoriale, e contribuiscono all’emissione di CO2 in atmosfera.

Negli ultimi anni, tuttavia, il governo ha dichiarato di aver ridotto del 67% il tasso di deforestazione: nonostante questo, l’immensità dell’Amazzonia brasiliana rende la partecipazione di questa nazione troppo importante.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui