Deforestazione e omicidi: in Perù attivisti minacciati

Lo Stato sudamericano si prepara ad ospitare la Cop 20, ma è del tutto impreparato. La deforestazione è a livelli record, così come la repressione degli indigeni

Deforestazione e omicidi in Perù attivisti minacciati

 

(Rinnovabili.it) – La vita dell’attivista ambientale, in Perù, è più rischiosa che altrove. È il quarto Paese al mondo per numero di omicidi di militanti, dopo il Brasile, l’Honduras e le Filippine. Dal 2002 al 2013 sono state assassinate 57 persone impegnate nella lotta alla deforestazione. Oltre metà del Paese, infatti, è coperta dalla foresta pluviale, ma il disboscamento illegale procede a ritmi vertiginosi, per soddisfare la voracità della domanda internazionale di legname e altri prodotti. L’ultimo a perdere la vita, è stato Edwin Chota, uno degli attivisti più conosciuti a livello internazionale. Una vera e propria colonna del movimento contro la deforestazione, che aveva denunciato le minacce delle compagnie al proprio governo prima di restare ucciso da un colpo d’arma da fuoco in un’imboscata tesagli lo scorso settembre. Chota è diventato un simbolo, in tutto il mondo, del prezzo che talvolta pagano gli uomini e le donne che decidono di lottare contro lo sfruttamento e l’industrializzazione dei territori.

Il fenomeno non è radicato soltanto in Perù: secondo Global Witness, nel decennio 2002-2013 più di 900 persone che difendevano l’ambiente o si battevano per il diritto alla terra sono state assassinate in 35 Stati. Si viaggia su una media di due attivisti uccisi a settimana: dato che parte dei crimini non viene riportata, il numero reale è anche più alto. Il peggio è che i colpevoli agiscono del tutto impunemente: solo in 10 casi sono stati individuati e assicurati alla giustizia.

 

Deforestazione e omicidi in Perù attivisti minacciati-

 

Ma la morte di attivisti come Edwin Chota non è il risultato di oscuri regolamenti di conti nel profondo delle foreste. Si tratta di una diretta conseguenza della incessante domanda del mondo sviluppato di prodotti come legna, olio di palma, gomma, gas naturale, animali. Un cedro può fruttare 9 mila dollari, un mogano 11 mila. Cifre che in certe zone rurali valgono ben un omicidio.

Il Perù ha promesso di salvaguardare le proprie foreste: poche settimane dopo la morte di Chota, il governo ha firmato un accordo con la Norvegia che prevede un contributo del Paese nordico fino a 300 milioni di dollari se verrà frenata la deforestazione nei prossimi 6 anni. La povertà, la corruzione endemica e le leggi farsa, tuttavia, minacciano di far naufragare le buone intenzioni. Manca il riconoscimento di un vero diritto alla terra per le molte comunità di indigeni che ne vengono quotidianamente espropriate. Una tutela della loro sicurezza che gli permetta di continuare a curare l’ecosistema e mantenere intatte le foreste.

 

Fra poche settimane, il Perù ospiterà una delle più importanti conferenze delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico. Il governo dovrà rispondere della sua inefficienza e impegnarsi a combattere la deforestazione illegale, rafforzando la governance dell’ambiente attraverso la revoca delle leggi che ultimamente l’hanno indebolita.

2 Commenti

  1. Purtroppo mi dispiace doverlo dire, ma di fronte a certe cose, sarebbe auspicabile armare adeguatamente e addestrare gli indigeni dandogli modo di difendere la propria terra e habitat anziche lasciarsi uccidere in quel modo dai delinquenti delle multinazionali. E l’unica speranza che hanno di sopravvivere, contrariamente verranno spazzati via poco per volta finche non avranno la strada libera alla deforestazione.

  2. Mi verrebbe voglia di abbandonare questo pianeta per andare a vivere su un altro, con la speranza che la maggior parte degli uomini ivi nativa sia percentualmente più intelligente di coloro che ci accompagnano in questo. Purtroppo so benissimo che non è possibile e vedere distruggere un Paradiso Terrestre come stiamo facendo è dilaniante. Il nostro comportamento è irresponsabile, visto che abbiamo l’intelligenza di capire cosa fare o non fare, e tutto per arricchire smisuratamente una bassissima percentuale di nostri simili che avidamente non si rendono conto, o forse si, che per accumulare denaro, che in natura non ci serve a nulla, non hanno rispetto della propria vita e di quella dei loro discendenti(che sono poi quelli che pagheranno di più la nostra scelleratezza, sempre che queste scelte non ci portino direttamente all’estinzione, cosa triste ma inevitabile se non decidiamo di cambiare immediatamente le nostre nocive abitudini).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui