Ghiacciai a rischio e Greenpeace fonda la Repubblica Glaciale

Il suo territorio comprende ben 23 mila chilometri quadri di ghiacciai sulle Ande che la legge cilena non riconosce come propri

Ghiacciai a rischio e Greenpeace fonda la Repubblica Glaciale

 

(Rinnovabili.it) – Isabel Allende è appena diventata cittadina onoraria della Repubblica Glaciale, lo stato fondato da Greenpeace sui ghiacciai andini. Il nuovo Paese  si estende su una su una superficie di 23 mila chilometri quadri sulle Ande cilene, in territori attualmente non riconosciuti  da parte del Governo di Santiago. Ed è proprio sfruttando il vuoto normativo che riguarda questi delicati ecosistemi che l’associazione ambientalista ha voluto creare la Repubblica Glaciale, uno stato aperto a chiunque voglia impegnarsi a proteggere i ghiacciai. “Con questa azione – spiega Greenpeace – l’organizzazione ambientalista spinge lo Stato cileno a riconoscere i ghiacciai come un bene pubblico, a impegnarsi con una legge  per tutelare questo patrimonio naturale da qualunque minaccia. Quando questo accadrà, la Repubblica Glaciale e i suoi cittadini restituiranno i ghiacciai allo stato cileno”.  

 

Queste enormi masse di ghiaccio sono importanti riserve idriche e a livello mondiale il Cile vanta una tra le più importanti riserve disponendo dell’82% di tutti i ghiacciai del Sud America. Ad oggi però non esistono ancora regole certe per proteggerli e, sotto la pressione  dei cambiamenti climatici, questa preziosa fonte di acqua dolce ha raggiunto in questi anni il suo minimo storico: dal 1970 a oggi i ghiacciai andini si son ridotti del 50% e sono in molti oggi a pensare che questi territori siano destinati a scomparire a breve. Ad aderire all’iniziativa di Greenpeace è anche la celebre scrittrice cilena Allende che si unisce agli 81 mila cittadini che già hanno ottenuto il passaporto della Repubblica che difende i ghiacciai. “Per noi è motivo di vanto che Isabel Allende, si preoccupi della situazione in cui si trovano i nostri ghiacciai. Questo significa che il messaggio della Repubblica Glaciale è riconosciuto da tutti i cileni”, afferma Matías Asún, direttore esecutivo di Greenpeace Cile.

 

Per ottenere il passaporto virtuale della Repubblica Glaciale basta andare su http://www.republicaglaciar.cl/