Ancora ritardi a Fukushima: la rimozione del nucleo fuso partirà solo nel 2022

La Tepco ha annunciato ritardi a causa del Covid-19 nella messa a punto del robottino che dovrà estrarre il combustibile nucleare fuso dai 3 reattori coinvolti nel disastro

Fukushima
credits: Susanna Loof / IAEA via Flickr | CC BY 2.0

Rinvio di 1 anno per le operazioni nel reattore n°2 di Fukushima

(Rinnovabili.it) – La tabella di marcia decisa dal governo giapponese e dalla Tepco fissava a febbraio 2021 l’inizio dei lavori per la rimozione del combustibile nucleare fuso. Ma tutto è rinviato di un anno e non si partirà prima del 2022 a causa del Covid-19. L’azienda nipponica responsabile degli impianti nucleari di Fukushima ha annunciato che questa parte delle operazioni di decommissioning – la più delicata – ha subito dei ritardi.

Al centro c’è ancora una volta il robottino che dovrebbe entrare all’interno del reattore e prelevare il corium, cioè il materiale risultante dalla fusione del nocciolo. Negli anni passati, i robot utilizzati per esplorare i reattori coinvolti avevano incontrato problemi su problemi. Principalmente a causa dei livelli di radiazioni che, letteralmente, ‘friggevano’ le macchine e li rendevano inutilizzabili.

Leggi anche Fukushima, radiazioni letali anche per i robot

Questa volta invece è il virus a rallentare i lavori. I test del robottino dovevano iniziare lo scorso agosto in Gran Bretagna. Una volta ricevuto l’ok sarebbe dovuto partire l’addestramento dei tecnici giapponesi. Tutto bloccato, e l’andamento della pandemia ha convinto la Tepco a spostare tutto al 2022.

Il primo dei 3 reattori coinvolti nel disastro nucleare di Fukushima a entrare in questa fase del decommissioning sarà il numero 2. L’unico di cui i tecnici Tepco siano riusciti, negli anni scorsi, ad ottenere immagini abbastanza chiare dell’interno per pianificare l’intervento. Secondo i piani, il robottino dovrebbe inserire uno dei suoi bracci all’interno della struttura di contenimento e iniziare raccogliendo circa 1 grammo di corium per volta. Questa capacità dovrebbe poi crescere gradualmente.

Leggi anche Disastro di Fukushima: l’acqua contaminata sarà rilasciata nell’oceano

Tempi lunghissimi, quindi. Le 3 unità contengono insieme circa 880 tonnellate di combustibile fuso. Per i reattori 1 e 3 non ci sono ancora tempistiche stabilite. Nel complesso, Tepco e governo stimano che tutte le operazioni di decommissioning dovrebbero concludersi tra il 2041 e il 2051. Il prossimo passo quindi potrebbe essere la decisione sullo smaltimento delle acque contaminate utilizzate per raffreddare il nocciolo. Tokyo nei mesi scorsi ha ventilato la possibilità di rilasciarle nell’oceano.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui