Secondo round sul clima tra Polonia e UE, al centro c’è lo stop al carbone

Il cronoprogramma polacco fa a pugni con i nuovi obiettivi climatici dell’Unione Europea. All’orizzonte un nuovo braccio di ferro con Bruxelles?

Carbone: Polonia e UE litigano sullo stop alle miniere nel 2049
via depositphotos.com

Varsavia vuole tenere la chiusura delle miniere di carbone al 2049

(Rinnovabili.it) – La Polonia punta i piedi sulla chiusura delle miniere di carbone. Varsavia ha pianificato lo stop a tutti i siti entro il 2049. Ma la data fa a pugni con gli obiettivi climatici aggiornati dell’Unione Europea. Il governo polacco, però, nonostante la marea montante di critiche e pressioni fa sapere che non ha alcuna intenzione di rivedere i suoi piani.

Lo scorso settembre, la compagnia statale Pgg aveva presentato il cronoprogramma. Un passaggio delicatissimo per l’economia statale e per la tenuta politica dell’esecutivo. Infatti, il carbone fornisce quasi l’80% del fabbisogno elettrico nazionale e dà lavoro a oltre 80mila persone. L’accordo era stato raggiunto dopo mesi di contrattazioni aspre con i sindacati, che hanno dato luce verde solo dopo aver strappato condizioni giudicate soddisfacenti nel piano di sostegno alla transizione dell’industria mineraria ed energetica.

Leggi anche La Polonia trova l’accordo, miniere di carbone chiuse entro il 2049

Un compromesso che aveva permesso di anticipare lo stop alle miniere di 11 anni, visto che i sindacati premevano addirittura per il 2060. Ma già all’epoca appariva completamente sfasata rispetto a quelli che sarebbero stati i nuovi obiettivi climatici dell’Unione. Poi formalizzati a dicembre, con la decisione di portare il taglio delle emissioni al 55% entro il 2030.

“Il rafforzamento degli obiettivi di riduzione delle emissioni dell’UE al 55% non influisce su questo calendario, anche se sono consapevole che ci sono preoccupazioni pubbliche che a causa delle pressioni dell’UE questo piano possa accelerare”, ha detto a Reuters Tomasz Rogala, amministratore delegato di Pgg.

Leggi anche Addio al carbone? Tra bad company e debiti la Polonia non sa come fare

La dichiarazione arriva a poche ore dall’avvio delle discussioni tra Varsavia e Bruxelles sul piano per chiudere le miniere. Piano che deve ancora ricevere l’approvazione ufficiale da parte dell’UE. Le trattative ereditano gli strascichi delle tensioni di novembre e dicembre, quando la Polonia e l’esecutivo europeo avevano a stento trovato un’intesa per approvare gli obiettivi climatici.

Varsavia aveva tenuto in scacco i negoziati per settimane, fino a ottenere che l’obiettivo del 55% non fosse vincolante per ogni singolo Stato ma dovesse essere solo raggiunto a livello UE. Di fatto, un’esenzione non scritta per i polacchi. L’approvazione o meno del piano per lo stop all’estrazione di carbone – che di fatto confermerà l’apertura di Bruxelles o cercherà di contenerla – si annuncia come il secondo round di questa partita.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui