Italia maglia nera in Europa per i tagli delle emissioni dell’industria

I piani sul clima dell’industria italiana, nel complesso, porterebbero a un +3% tondo di riscaldamento globale entro il 2100: lontanissimo dall’obiettivo dell’accordo di Parigi

Emissioni: l’industria europea va troppo a rilento sui tagli
Foto di Michael Schwarzenberger da Pixabay

I dati di Carbon Disclosure Project sulle emissioni, appena pubblicati

(Rinnovabili.it) – L’industria europea è ancora ben lontana dai tagli alle emissioni che servono per restare in linea con l’accordo di Parigi. Anche se i piani climatici in vigore ad oggi venissero tutti rispettati, porterebbero ancora ad un riscaldamento globale di 2,7°C entro la fine del secolo. Oltre mezzo grado sopra la soglia meno ambiziosa pattuita nella capitale francese nel 2015.

E l’Italia si trova nella parte bassa della classifica, in compagnia dei paesi meno virtuosi. In compagnia del Belgio e della Gran Bretagna, gli impegni sul clima dell’industria italiana veleggiano spediti verso un +3°C tondo. All’estremo opposto della lista si trovano Svizzera, Danimarca e Svezia, che invece riescono (in teoria) ad avvicinarsi al livello dei 2°C.

Leggi anche Inquinamento industriale, in Europa non tutti la raccontano giusta

Sono i dati forniti da Carbon Disclosure Project (CDP), un’organizzazione non profit internazionale che fornisce a imprese, autorità locali, governi e investitori un sistema globale di misurazione e rendicontazione ambientale. In un rapporto appena pubblicato, CDP ha analizzato le statistiche di circa 1.000 imprese europee che valgono più o meno l’80% del mercato UE.

La conclusione a cui sono arrivati gli autori del dossier è che l’industria europea deve moltiplicare di 8 volte il suo livello di ambizione se vuole sperare di restare in linea con la soglia degli 1,5°C di riscaldamento globale, quella più bassa stabilita con l’accordo di Parigi.

Leggi anche ETS UE, novità all’orizzonte: ridotto il numero di crediti gratuiti di carbonio

Il rapporto si sofferma poi su un apparente paradosso. Ad oggi, il 95% delle banche europee che offrono prestiti alle industrie ha dei piani molto chiari per abbattere le emissioni. Peccato che invece soltanto 1 impresa su 10 abbia piani altrettanto chiari, sempre ammesso che li abbia. Il risultato è che le banche vanno a finanziare attività tutt’altro che in linea con Parigi (e con i loro stessi piani).

Esistono poi grandi differenze da settore a settore. Nei settori dell’acciaio e dei servizi elettrici, i dati mostrano che le migliori aziende sono fino a 4 volte più efficienti in termini di emissioni di carbonio rispetto a quelle con prestazioni più basse. Ma gli autori notano che solo 1/3 delle aziende nei comparti a maggiore impatto rendono noti i dati sulle emissioni Scope 3, cioè quelle indirette che derivano dalla intera catena del valore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui