Rinnovabili • pollica

Pollica, il Sud sostenibile esiste e genera valore

A Pollica, patria della Dieta Mediterranea, è ancora vivo il ricordo di Ancel Keys, che qui ne elaborò i principi. In questo Comune virtuoso del Cilento la differenziata è all’85%. Rinnovabili, efficienza energetica, ambiente, salvaguardia del territorio, sostenibilità sono i principi che guidano il sindaco Stefano Pisani e la sua amministrazione. Perché si è capito che la buona economia preserva l’ambiente e la qualità della vita

pollica
via depositphotos.com

di Isabella Ceccarini

(Rinnovabili.it) – A Pollica le scelte dell’amministrazione guidata dal sindaco Stefano Pisani – che è anche coordinatore regionale dell’ANCI, l’Associazione Nazionale Comuni Italiani – seguono principi semplici e chiari. La protezione del territorio sta diventando una ricchezza: ambientalismo non vuol dire no e basta, ma avere una visione del futuro e il senso del limite. La sostenibilità impone delle scelte che daranno frutti non solo nell’immediato, ma anche negli anni a venire: dare speranze ed elaborare progetti concreti per i giovani è il modo migliore per contrastare lo spopolamento del territorio, pur senza rinunciare ad accogliere quella preziosa risorsa economica che è il turismo.

Pisani porta avanti la politica illuminata di Angelo Vassallo* – di cui è stato vicesindaco – per rendere l’area sempre più sostenibile.

Quale eredità morale ha lasciato Angelo Vassallo?

Penso sia soprattutto un modo di vedere le cose. Credo che sia sbagliato parlare di eredità quando si parla di Angelo. Lui ha definito quelli che riteneva gli elementi chiave per salvaguardare e allo stesso tempo usare e sviluppare il territorio. Aveva una visione precisa di quello che dovesse essere il futuro del Cilento, non soltanto di Pollica. Per qualcuno questo può rappresentare un’eredità, per noi rappresenta una continuità. L’eredità mi pare qualcosa di molto statico, un patrimonio che hai e non sai bene come usare. Invece a me piace molto di più raccontare la visione dinamica che Angelo ha sempre avuto del territorio, così come mi piace raccontare che non c’era solo la grande visione, ma anche l’attenzione alle piccole cose, come l’aver anticipato addirittura l’ordinanza del Comune di Parigi secondo la quale non si buttano in terra i mozziconi di sigaretta. Lui amava osservare gli elementi, in questo caso i tombini delle acque che scolavano male perché erano pieni di mozziconi.

Non rilasciare nuovi permessi per costruire ma incentivare il recupero dei vecchi edifici e del terreno che li circonda significa amare il territorio e puntare a valorizzarlo promuovendo uno sviluppo armonioso e rispettoso dell’ambiente.

L’approccio che abbiamo maturato con Angelo è molto particolare, abbiamo capito che l’ambientalismo non è fatto di no e basta. L’uso delle risorse naturali non è bloccare tutto ma trovare un punto di equilibrio. La domanda da farsi è “quale valore sono disponibile a cedere per ottenere un vantaggio?”.

Se Pollica ha perso il 50 % della superficie coltivata, cosa succede al paesaggio? Si trasforma, si acuisce il dissesto idrogeologico. Non costruisco e preservo il paesaggio con cementificazione zero. I nostri antenati ci hanno insegnato una cosa diversa: l’uso delle cose con il senso del limite. Abbiamo applicato questo principio di sostenibilità all’interno del nuovo piano urbanistico, appena approvato. Siamo partiti da una considerazione banale: a cosa ambiscono le persone che vengono a Pollica? A farsi una casa per le vacanze. Allora costruisco, creo valore immobiliare e i miei ragazzi si impiegano nel settore edilizio, ma lo potranno fare per un tempo limitato.

Invece convinco le persone a farsi una casa per le vacanze recuperando un vecchio rudere che già esiste, perché era un luogo già presidiato dall’uomo per coltivare, per produrre sostentamento o per evitare che il terreno subisse delle modificazioni dovute ad esempio allo scorrere delle acque. Questo concetto diventa uno strumento di tutela del paesaggio. Vuoi comprare una casa qui? Ti concedo un valore, ovvero una bella casa per le vacanze, e tu mi restituisci un valore, ovvero rimetti in coltura il terreno. Non sei un agricoltore ma un professionista che viene da un’altra città? Sei il benvenuto, sei nostro ospite, ma cosa puoi fare in concreto? Cedere il terreno a un canone di locazione agevolata ai giovani del nostro territorio, o comunque a chi lo vuole coltivare. Il senso è quello di ripristinare un equilibrio sostenibile.

Si è pensato a proposte abitative per i giovani che vogliono rimanere a Pollica?

I parametri degli studi sul nostro territorio ci dicono che la popolazione di Pollica potrà arrivare al massimo a tremila persone, quindi si possono costruire altri settantadue nuovi alloggi. Il valore turistico di Pollica è cresciuto tantissimo, le abitazioni da ristrutturare si vendono anche a diecimila euro al metro quadro.

I miei ragazzi vanno via e comprano la casa nel Comune a fianco dove le case si vendono a 1400 euro al metro quadro, dove non è stata fatta una politica di preservazione del territorio. Ma allora muoio per la mia politica di preservazione, muoio di tutela dell’ambiente? Perché questo è il senso. La nostra proposta è quindi di costruire se mi restituisci degli alloggi da mettere in vendita a favore dei miei giovani a un prezzo accessibile per loro o per chi vorrà venire ad abitare qui, non per i turisti. Sono due concetti diversi che impongono di tenere insieme una serie di esigenze.

Qualcuno mi ha detto che c’è bisogno di qualificare l’offerta turistica e quindi di costruire alberghi. Potremmo fare gli alberghi ma devono avere un senso, devono essere adeguati, non devono essere tanti e soprattutto dotati di servizi per la destagionalizzazione: questo territorio si spegne il 30 settembre e si riaccende il 31 maggio. Non ha senso, anche se viviamo bene lo stesso, grazie alla diversificazione del reddito turistico da quello agricolo.

Nel tempo abbiamo avuto molta fortuna e sono venuti turisti di alto livello, disposti a spendere; un giorno le cose potrebbero cambiare e dobbiamo farci trovare pronti e realizzare servizi e infrastrutture adeguate.

Stefano Pisani

Negli anni è cambiato il piano regolatore?

Angelo fece il suo piano regolatore nel 2005, oggi adottiamo quello nuovo. Nel 2021 ci siamo resi conto di aver tagliato molta della volumetria che Angelo pensava si potesse realizzare allora per lo sviluppo del territorio. La dimensione quantitativa annulla il principale valore economico di questo territorio, ovvero la cultura, la tradizione, la sostenibilità. Ad agosto chiudiamo l’accesso ad Acciaroli, la principale frazione del Comune di Pollica, dalle 22,00 alle 3,00 del mattino perché siamo subissati dai turisti che arrivano dai Comuni dei dintorni perché qui è più bello. Una bandierina turistica che dobbiamo preservare.

Il principio che ci guida è il senso del limite, che viene da una serie di considerazioni e dal lavoro che abbiamo fatto insieme con Angelo. Un lavoro che non è fatto di grandi proclami ma di piccole azioni quotidiane. Ad esempio garantire agli anziani di non fare 45 minuti di macchina se hanno bisogno di andare in ospedale realizzando un presidio medico sul territorio (che stiamo cercando di fare). Finalmente si è capito che la sanità non è fatta solo di ospedalizzazioni, ma soprattutto di territorio. Queste sono le ricette del futuro per evitare lo spopolamento, ricette vecchie per fare in modo che ci siano insediamenti di persone più compatibili con l’equilibrio dei territori.

Non possiamo più pensare che le metropoli possano continuare a crescere in dimensione e quantità di abitanti in termini di servizi mentre un altro pezzo del territorio viene abbandonato a se stesso o viene non utilizzato. In queste considerazioni ci sono economia, iniziativa, produttività, nuovo reddito.

Oltre all’elemento etico, che per me è imprescindibile, l’altra leva che ritengo utile per far evolvere i processi è il concetto di valore economico, perché non possiamo prescindere dal fatto che l’equilibrio della nostra vita è fatta anche di economia. Prima c’era l’agricoltura di sussistenza, ora dobbiamo trovare l’equilibrio di sussistenza.

L’ambiente è un contesto in cui ci muoviamo, spesso lo sentiamo come una risorsa da usare e a cui non restituire niente, invece noi abbiamo un concetto diverso: usiamo l’ambiente e contemporaneamente lo facciamo rigenerare. Uso l’ambiente con il fabbricato agricolo che diventa casa per le vacanze, ma uso l’utente turistico per rigenerare le risorse della terra.

State facendo molti cambiamenti sul territorio. Spesso il cambiamento è visto con diffidenza. La cittadinanza vi segue?

Anche qui i cambiamenti non sono sempre accettati di buon grado. Sono convinto che il valore e le energie maggiori non vengono determinate da un cambiamento graduale, che produce un valore ridotto. Il vero salto di qualità avviene quando c’è una discontinuità netta, quando imprimi maggiore velocità, cambi completamente approccio e si produce una energia notevolmente superiore.

C’è un percorso lineare dettato dal cambiamento lento, costante. La mia impressione è che il nostro elemento di riferimento sia il tempo a disposizione per cambiare la modalità di fare le cose, ed è un tempo molto ridotto. Non possiamo pensare di garantire questo cambiamento in un lasso di tempo lungo, dobbiamo intervenire con cambiamenti radicali, a volte anche poco compresi ma nei quali crediamo fermamente. A qualcuno queste scelte possono non piacere, vorrà dire che la prossima volta non mi voterà. È il bello di vivere in un paese democratico: ognuno porta avanti le sue idee come meglio crede.

Il rispetto della legalità accelera il cambiamento?

Ritengo che sia il momento di dettare forti cambiamenti sull’agire locale, sullo spirito di comunità, sul valore culturale da far evolvere nei giovani. Posso non essere compreso, ma non mi fermo. I processi non vanno assecondati, ma guidati nella giusta direzione anche se tutti noi commettiamo degli errori. Pollica, come tutte le piccole comunità locali, non riesce a intercettare subito tutti i cambiamenti ma poi se ne appropria forse meglio di altri, così come è stato con Angelo.

Puntare sul rispetto della legalità è un modo per creare quella discontinuità che porta al cambiamento, producendo maggior valore in un tempo più ridotto. Ci sono due modi per accelerare i processi: imporli per legge o con un incentivo, a meno che non si abbia a disposizione un tempo lungo per aspettare che le persone si convincano della bontà e della necessità di un cambiamento. Ma il Pianeta ci sta dicendo che il tempo a disposizione è breve.

L’alleanza con il Comune di Marina di Camerota guarda a un turismo più sostenibile e a rendere il territorio fruibile tutto l’anno. Concentrare il turismo nel solo mese d’agosto significa avere a che fare con un’orda quasi distruttiva. Invece la valorizzazione del territorio deve comprendere tanti altri aspetti, che vanno oltre questo mare pazzesco. Ci sono siti archeologici, parchi naturali, il museo del mare… tante cose che insieme costituiscono un valore. Cosa vi ha guidato nella realizzazione di questo progetto comune?

L’alleanza tra Comuni diventerà un processo strutturato istituzionalmente. Con Camerota abbiamo avviato un’iniziativa specifica, ma Pollica condurrà un progetto di sviluppo strategico di tutta l’area costiera che va da Montecorice a Sapri. Il motivo per cui lo facciamo insieme è abbastanza banale: non abbiamo i numeri come piccola comunità per competere in tanti campi, a partire da quello turistico, e soprattutto non riusciamo a valorizzare adeguatamente le risorse che abbiamo a disposizione rispetto alle opportunità di sviluppo del territorio.

Il turismo estivo ci garantisce la sussistenza ma ci costringe ad abbandonare per un mese il nostro essere. Se voglio destagionalizzare devo pensare a una persona che viene in vacanza a Pollica una settimana a marzo o ad aprile, che vuole fare delle attività, conoscere il territorio, muoversi. La collaborazione fra territori diventa fondamentale e questo può avvenire quando si crea una nuova cittadinanza fatta di persone che non percepiscono i confini territoriali come limiti ma come grandi opportunità.

Stiamo globalizzando il Cilento, nel senso che stiamo costruendo una nuova unità operativa di base fatta da più comuni che dialogano avendo comunione di intenti, lo stesso problema di risorse, di accessibilità, di promozione sul mercato.

Sarebbe miope non lavorare in questa direzione. La sensibilità c’è, dobbiamo lavorare affinché a questa sensibilità si aggiunga una classe dirigente capace di sfruttare queste opportunità. Per questo nascono collaborazioni e partenariati, come quello con Sara Roversi e Future Food Institute, e altri che lavorano sulla parte immateriale di quello che è lo sviluppo culturale del nostro progetto.

Possiamo avere delle bellissime idee, ma se non diamo loro le gambe non andranno da nessuna parte. Tornando ad Angelo, l’eredità più grande e più bella che ci ha lasciato è quella delle idee. Noi abbiamo il dovere di farle camminare.


*Angelo Vassallo è stato sindaco di Pollica per tre mandati, dal 1995 al 2010, si è distinto per l’ambientalismo illuminato e per la valorizzazione del territorio. Numerosi gli interventi per migliorare la fruibilità dei luoghi e riqualificare opere di valore storico, come il Castello dei principi Capano a Pollica, messo a disposizione della cittadinanza. Non solo attenzione ai turisti, quindi, ma anche alle persone che in questi luoghi possono continuare a vivere bene. Fu Vassallo, inoltre, a proporre di includere la Dieta Mediterranea tra i patrimoni immateriali dell’umanità dell’Unesco.
Rieletto per il quarto mandato, il 5 settembre 2010 è stato ucciso in un attentato.
About Author / La Redazione

Rinnovabili • Solare fotovoltaico in Italia

Solare fotovoltaico in Italia, cosa dice il rapporto GSE

Lo scorso anno sono entrati in esercizio circa 371.500 impianti fotovoltaici in Italia, in grande maggioranza di taglia inferiore a 20 kW, per una capacità complessiva di oltre 5,2 GW. Una crescita che conferma il primato nazionale della Lombardia in termini di potenza installata, seguita con un certo distacco dalla Puglia

Solare fotovoltaico in Italia
via depositphotos

Online il Rapporto Statistico 2023 sul Solare Fotovoltaico in Italia

Ben 5,2 GW di aggiunte che portano la potenza cumulata totale a 30,31 GW e la produzione annuale a quota 30.711 GWh. Questi in estrema sintesi i dati del solare fotovoltaico in Italia, riportati nel nuovo rapporto del GSE. Il documento mostra le statistiche del settore per il 2023, offrendo informazioni importanti non solo sui sistemi ma anche sulla dimensione dei pannelli solari, la tensione di connessione, il settore di attività, l’autoconsumo e persino sull’integrazione di eventuali batterie. Uno sguardo approfondito per capire come sta crescendo il comparto, ma anche per evidenziare potenzialità e criticità.

Solare Fotovoltaico Italiano, la Crescita 2023 in Numeri

Nel 2023 il fotovoltaico nazionale ha messo in funzione 371.422 nuovi impianti solari per una potenza complessiva di poco superiore ai 5,2 GW. La crescita ha ricevuto i contributi maggiori, in termini di numero di sistemi, da regioni come la Lombardia (con il 17,5% dei nuovi impianti fv 2023), il Veneto (13,2%), l’Emilia-Romagna (9,8%) e la Sicilia (6,9%). Scendendo ancora di scala sono invece le provincie di Roma (3,9%), Brescia (3,6%) e Padova (3,1%) quelle a detenere la quota maggiore di aggiunte. Per buona parte dell’anno questo progresso si è affidato ai piccoli impianti di taglia residenziale, che hanno lasciato il posto sul finire del 2023 ad una nuova spinta del segmento C&I.

Produzione fotovoltaica in Italia

Altro dato importante per il 2023: la produzione del solare fotovoltaico in Italia. Lo scorso anno tra nuovi impianti e condizioni meteo favorevoli, il parco solare nazionale ha prodotto complessivamente 30.711 GWh di energia elettrica (dato in crescita del 9,2% sul 2022), con un picco nel mese di luglio di oltre 3,8 TWh.

Se ci si focalizza, invece, solo sull’autoconsumo fotovoltaico, il rapporto del GSE indica che lo scorso 7.498 GWh sono stati prodotti e consumati in loco. Un valore pari al 24,8% della produzione netta complessiva. A livello regionale la percentuale di energia autoconsumata rispetto all’energia prodotta risulta più alta in Lombardia, Liguria e Campania. A tale dato se ne associa un altro altrettanto interessante: quello dei sistemi di accumulo. Lo scorso anno risultavano in esercizio 537.000 sistemi di storage connessi ad impianti fotovoltaici, per una potenza cumulata di 3,41 GW.

leggi anche Direttiva EPBD e fotovoltaico: scadenze e potenzialità

Solare Fotovoltaico, la Potenza in esercizio in Italia

Le nuove aggiunte 2023 hanno portato il dato della potenza fotovoltaica totale cumulata in Italia ad oltre 30,31 GW e quello della potenza pro capite nazionale a 514 W per abitante. Nel complesso sono attivi sul territorio 1.597.447 impianti fotovoltaici, di cui il 94% rientra nella taglia fino a 20 kW. Sono, per intenderci, i piccoli impianti realizzati solitamente sui tetti degli edifici. Non sorprende quindi scoprire che la superficie occupata dagli impianti fotovoltaici a terra a fine 2023 risultava di soli 16.400 ettari. In questo contesto le regioni con la maggiore occupazione di superficie del suolo da parte del solare fotovoltaico risultano essere: la Puglia (4.244 ettari), la Sicilia (1.681 ettari) e il Lazio (1.527 ettari).

Sul fronte della potenza attiva, viene confermato il primato del Nord Italia con il 48,0% del totale nazionale grazie al traino di Lombardia (13,8%), Veneto (10,4%) ed Emilia Romagna (10%). Segue il 34,7% delle regioni meridionali, con la Puglia che da sola fornisce il 10,9% della potenza, e quindi il contributo del Centro Italia.

Leggi qui il report GSE sul Solare Fotovoltaico in Italia

About Author / La Redazione

Rinnovabili • Dl Agricoltura bollinato

Dl Agricoltura bollinato, ecco l’art. sul fotovoltaico a terra

Il testo finale del decreto è stato varato dopo alcune piccole modifiche richieste dal Quirinale. Confermati i paletti sul fotovoltaico a terra salvaguardando gli investimenti del PNRR

Dl Agricoltura bollinato
Foto di Andreas Gücklhorn su Unsplash

Stop del fotovoltaico a terra con una serie di eccezioni

Dopo il via libera del Consiglio dei Ministri, Dl Agricoltura è stato “bollinato” dalla Ragioneria di Stato e quindi varato definitivamente. Ma non prima di alcune modifiche last minute frutto del confronto con il Quirinale. Nessun ritocco significativo, tuttavia, riguarda il tanto criticato articolo di stop al fotovoltaico a terra. Il contenuto, infatti, rimane nelle linee annunciate il 6 maggio dal ministri Pichetto e Lollobrigida, cercando di salvaguardare gli investimenti del Piano nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), punto fermo per il MASE.

L’articolo in questione, che passa dal 6 della prima bozza al 5 nel DL Agricoltura bollinato, riporta alcune disposizioni finalizzate a limitare l’uso del suolo agricolo. L’intervento mira a modificare l’articolo 20 del decreto legislativo 8 novembre 2021, n. 199, con cui l’Italia ha recepito nel proprio ordinamento la direttiva europea sulle rinnovabili RED II. 

In poche parole il testo introduce dei paletti all’installazione degli impianti fotovoltaici con moduli collocati a terra in zone classificate agricole dai piani urbanistici vigenti. Come? Limitando qualsiasi intervento a lavori modifica, rifacimento, potenziamento o integrale ricostruzione degli impianti già installati, che non comportino incremento della superficie occupata. Nessun vincolo invece per il fotovoltaico a terra se installato:

  • in cave e miniere non in funzione, abbandonate o in condizioni di degrado ambientale;
  • porzioni di cave e miniere non suscettibili di ulteriore sfruttamento;
  • siti e  impianti nelle disponibilità delle società del gruppo Ferrovie dello Stato italiane e dei gestori di infrastrutture ferroviarie nonché delle società concessionarie autostradali;
  • siti e impianti nella disponibilità delle società di gestione aeroportuale all’interno dei sedimi aeroportuali;
  • aree adiacenti alla rete autostradale entro una distanza non superiore a 300 metri;
  • aree interne agli impianti industriali e agli stabilimenti.

Salvi, come promesso, anche i progetti fotovoltaici a terra se parte di una Comunità energetica rinnovabile o finalizzati all’attuazione degli investimenti del PNRR.

Il testo del Dl Agricoltura “bollinato” sul fotovoltaico

Riportiamo per intero l’articolo 5 sul fotovoltaico nella versione finale del DL Agricoltura.

ART. 5 (Disposizioni finalizzate a limitare l’uso del suolo agricolo)

1. All’articolo 20 del decreto legislativo 8 novembre 2021, n. 199, dopo il comma 1 è aggiunto il seguente:

‹‹1-bis. L’installazione degli impianti fotovoltaici con moduli collocati a terra di cui all’articolo 6-bis, lettera b), del decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28, in zone classificate agricole dai piani urbanistici vigenti, è consentita esclusivamente nelle aree di cui alle lettere a), limitatamente agli interventi per modifica, rifacimento, potenziamento o integrale ricostruzione degli impianti già installati, a condizione che non comportino incremento dell’area occupata, c), c-bis), c-bis.1), e c-ter) n. 2) e n. 3) del comma 8. Il primo periodo non si applica nel caso di progetti che prevedano impianti fotovoltaici con moduli collocati a terra finalizzati alla costituzione di una Comunità energetica rinnovabile ai sensi dell’articolo 31 del decreto legislativo 8 novembre 2021, n. 199, nonché in caso di progetti attuativi delle altre misure di investimento del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), approvato con decisione del Consiglio ECOFIN del 13 luglio 2021, come modificato con decisione del Consiglio ECOFIN dell’8 dicembre 2023, e dal Piano nazionale degli investimenti complementari al PNRR (PNC) di cui all’articolo 1 del decreto-legge 6 maggio 2021, n. 59, convertito, con modificazioni, dalla legge 1° luglio 2021, n. 101, ovvero di progetti necessari per il conseguimento degli obiettivi del PNRR.››.

2. Le procedure abilitative, autorizzatorie o di valutazione ambientale già avviate alla data di entrata in vigore del presente decreto sono concluse ai sensi della normativa previgente.

Leggi anche Zavorre per fotovoltaico Sun Ballast: dal 2012 una garanzia per gli impianti fv su tetti piani

About Author / La Redazione

Rinnovabili • Zavorre per fotovoltaico Sun ballas

Zavorre per fotovoltaico Sun Ballast: dal 2012 una garanzia per gli impianti fv su tetti piani

SponsoredContenuto
Sponsorizzato

Attiva da oltre dieci anni nel settore fotovoltaico, fin dal 2012 Sun Ballast ha saputo cogliere le necessità più concrete legate alla realizzazione di impianti FV, divenendo rapidamente il punto di riferimento internazionale per migliaia di installatori e progettisti di impianti su superfici piane.

Zavorre per fotovoltaico Sun ballas

Il settore fotovoltaico costituisce oggi il principale motore della transizione energetica, e dal 2012 Sun Ballast sviluppa soluzioni in grado di semplificare tutte le fasi di realizzazione di impianti FV – dalla progettazione all’installazione – ottimizzando la sostenibilità degli investimenti e rendendo il montaggio molto più facile e veloce. Le zavorre per fotovoltaico Sun Ballast – progettate e realizzate interamente in Italia – nascono infatti come alternativa ai tradizionali (e complessi) sistemi metallici, e grazie alle loro particolari caratteristiche tecniche hanno incontrato fin da subito l’interesse di tutti i professionisti del settore. Lo sviluppo costante di nuovi sistemi e il confronto continuo con clienti e collaboratori hanno inoltre permesso all’azienda di offrire soluzioni sempre al passo con i principali trend di mercato e con le nuove esigenze degli operatori.

Oggi la gamma di zavorre Sun Ballast include decine di modelli, e i volumi produttivi raggiunti dalle numerose sedi operative assicurano la disponibilità costante del materiale in oltre 40 paesi di tutto il mondo.

Zavorre per fotovoltaico: semplicità allo stato solido

Semplici, affidabili e durature: le zavorre Sun Ballast nascono dalla necessità di semplificare le fasi di installazione, di ridurre i tempi di posa e di rendere la realizzazione di impianti FV su superfici piane sempre più conveniente e accessibile. Le strutture per pannelli fotovoltaici sono infatti realizzate in calcestruzzo di prima scelta, e uniscono in un solo componente due diverse funzioni: quella di supporto ai pannelli e quella di zavorra. In questo modo tempi e costi di installazione sono ridotti al minimo, e il montaggio si limita a pochi e semplici passaggi: basta posare la struttura, fissare il pannello alla boccola pre-inserita nel cemento e procedere con i collegamenti elettrici.

Zavorre per fotovoltaico Sun ballas

La totale assenza di fori di fissaggio permette inoltre di appoggiare le zavorre su qualunque tipologia di superficie piana (ghiaia, cemento, pavimentazioni, guaine, tetti verdi, ecc.) senza forare i materiali di copertura e offrendo la possibilità di movimentare le strutture senza vincoli di posizionamento – caratteristica molto utile sia in fase di posa che durante gli interventi di manutenzione.
Un sistema semplice, veloce e modulabile, utilizzato in larga scala non solo sui grandi tetti piani di edifici commerciali e industriali, ma anche sulle piccole coperture di case e complessi residenziali.

Oltre a semplificarne la realizzazione, le zavorre per fotovoltaico Sun Ballast assicurano inoltre agli impianti FV il più alto livello di affidabilità: la speciale barra metallica di extra-rinforzo contenuta all’interno delle strutture ottimizza infatti la tenuta a tutte le sollecitazioni meccaniche, mentre l’impiego di calcestruzzo C32/40 garantisce la massima resistenza a qualunque tipo di corrosione. Grazie all’alta qualità costruttiva, le zavorre risultano così adatte a qualsiasi contesto geografico e climatico, e possono essere utilizzate in sicurezza in aree costiere, spazi urbani o zone montane.     

Ricerca costante e assistenza a 360°

Composto da oltre 15 professionisti, l’Ufficio tecnico Sun Ballast realizza ogni anno migliaia di relazioni tecniche gratuite, offrendo un’assistenza completa dalle prime fasi di progettazione alla posa dell’ultima graffa. Un supporto costante e professionale che, oltre ad alleggerire il lavoro di progettisti e installatori, accompagna il cliente nella valutazione delle soluzioni tecnico-economiche più adeguate alle specifiche caratteristiche dell’impianto o dell’edificio su cui verrà realizzato.

zavorre per fotovoltaico

Il continuo investimento nelle attività di Ricerca&Sviluppo e le numerose certificazioni ottenute grazie ai test in galleria del vento, alle prove di strappo delle boccole e alle analisi in camera climatica consentono inoltre a Sun Ballast di offrire prodotti non solo semplici ed efficaci, ma anche sicuri, affidabili e certificati.

A Intersolar 2024 la presentazione delle nuove strutture

In programma dal 19 al 21 giugno 2024, Intersolar Europe rappresenta il più importante evento europeo dedicato al mondo dell’energia solare; l’occasione perfetta per incontrare dal vivo tutti i nostri clienti e partner, ma anche per presentare in anteprima un nuovissimo sistema di supporto: una soluzione rivoluzionaria, estremamente versatile e ultra-leggera, che renderà la realizzazione di impianti FV su tetto piano ancora più semplice, rapida e sicura. La possibilità di visionarlo dal vivo direttamente in fiera consentirà di analizzare da vicino tutti gli aspetti tecnici, offrendo una panoramica ancora più precisa sui vantaggi, sulle modalità di utilizzo e sulle tante possibili applicazioni delle nuove strutture. Accanto alla presentazione del nuovo sistema, lo stand Sun Ballast ospiterà inoltre numerosi incontri ed eventi, lasciando ampio spazio agli approfondimenti tecnici e alle attività di networking.

Lo staff Sun Ballast ti aspetta a Monaco dal 19 al 21 giugno, presso lo stand 219 del Padiglione A5.

Zavorre per fotovoltaico Sun ballas

Leggi anche Fotovoltaico sul tetto, TAR: non più un disturbo paesaggistico, ma un’evoluzione costruttiva

About Author / La Redazione