Ocean Sole: flip flop riciclate in opere d’arte e opportunità di lavoro

Una no profit keniota raccoglie le infradito abbandonate sulle spiagge realizzando sculture e garantendo così lavoro e nuove entrate a quasi cento persone

(Rinnovabili.it) – Flip flop riciclate, trasformate in sculture e opere d’arte: questa la mission di Ocean Sole, la organizzazione non profit che in Kenya raccoglie le infradito abbandonate lungo le spiagge e i corsi d’acqua. 

L’intuizione è venuta a Julia Church, fondatrice dell’ente, notando i giocattoli che i bambini kenioti ricavano dalle ciabatte in plastica abbandonate. Da lì l’idea: convincere le madri a raccogliere, lavare e tagliare le calzature per trasformarle in prodotti da vendere nei mercati locali, contribuendo così al reddito familiare. Oltre a migliorare la pulizia delle spiagge, il progetto di Ocean Sole fornisce opportunità di carriera agli artigiani locali supportando così la comunità. Le attività coinvolgono uomini, donne e giovani, pescatori e imprenditori, che occupano di raccogliere le infradito, realizzare o utilizzare i prodotti. 

Flip flop riciclate che fanno bene all’ambiente e alla comunità

Con le sue attività, Ocean Sole salva almeno 240 alberi all’anno e ha già riciclato quasi 580 tonnellate di calzature. Oltre agli evidenti vantaggi ambientali, il progetto ha notevoli impatti sociali. 

In un paese che ha un tasso di disoccupazione superiore al 40%, Ocean Sole garantisce un lavoro a quasi cento persone provenienti da contesti a basso reddito, garantendo non soltanto a loro ma anche alle loro famiglie pasti, istruzione e assistenza sanitaria. L’impresa sociale ha un impatto positivo su 1.000 keniani impegnati, in maniera diretta e indiretta, nelle diverse attività.

L’obiettivo è arrivare a un milione di ciabatte e flip flop riciclate l’anno, recuperando più di una tonnellata di polistirolo al mese e salvare, ogni anno, almeno 500 alberi utilizzando gli scarti delle infradito al posto del legno. 

Oltre il 10% delle entrate viene inoltre destinato alla pulizia delle spiagge, a programmi educativi e professionali e alla conservazione dell’ecosistema. 

L’ultimo progetto in campo è Host a Beach Clean up, una raccolta fondi per far crescere l’impatto dell’impresa sociale che, solo nel 2021, ha raccolto oltre spazzatura per un valore superiore al milione di sterline. 

Articolo precedenteDario Liguti nominato Direttore dell’Energia Sostenibile in Europa per l’ONU
Articolo successivoDal price cap al petrolio russo del G7 all’ipotesi UE di stretta sul gas

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui