Polyformer, la macchina che ricicla le bottiglie di plastica nel filamenti per la stampa 3D

Il premio James Dyson per la sostenibilità di quest’anno è stato assegnato all’ingegnere meccanico Swaleh Owais e al designer industriale Yang Cheng per aver realizzato una macchina che consente di riciclare la plastica in PET

(Rinnovabili.it) – Si chiama Polyformer ed è una macchina in grado di riciclare la plastica delle bottiglie trasformandola in filamenti per la stampante 3D. Un’innovazione che riduce i rifiuti, promuove la cultura del riciclo e consente di rendere maggiormente accessibile l’utilizzo della tecnologia della stampa 3D. I suoi inventori, l’ingegnere meccanico Swaleh Owais e il designer industriale Yang Cheng, hanno vinto il James Dyson Global Sustainability Award.

“È un grande onore essere il vincitore del premio internazionale di sostenibilità JDA 2022”, afferma Cheng. “Siamo incredibilmente grati alla James Dyson Foundation per aver gestito questa fantastica competizione. Sir James Dyson è un eroe personale per entrambi.”  

Riciclare la plastica, diffondere la stampa 3D a prezzi accessibili 

L’idea che ha portato allo sviluppo della macchina è stata la soluzione trovata dai due studiosi a due generi diversi di problemi. Cheng era impegnato a cercare una soluzione innovativa per riciclare bottiglie di plastica, mentre Owais voleva portare la tecnologia della stampa 3D nei paesi in via di sviluppo, ma aveva bisogno di renderla meno costosa. Con la stampa 3D, infatti, molte comunità più povere potrebbero avere accesso a una serie di prodotti troppo cari da acquistare, e questo potrebbe incentivarne lo sviluppo economico. Il filamento di stampa, tuttavia, ha prezzi di produzione o spedizione troppo alti. Da queste due necessità è nata Polyformer, una macchina che costa appena 150 dollari e risolve entrambi i problemi.

“Abbiamo scelto il Polyformer perché acquistare la plastica necessaria per le macchine di prototipazione rapida è molto, molto costoso”, dice Sir James Dyson, Fondatore e Capo Ingegnere di Dyson. 

Riciclare le bottiglie di plastica per la stampa 3D, ma come?

Polyformer è un progetto open-source, il che rende la macchina replicabile: CAD, codice e istruzioni sono liberamente consultabili su internet, accessibili a tutti. Il kit di costruzione è acquistabile online e chiunque può costruire la propria macchina e usarla per riciclare le bottiglie di plastica, tagliandole a strisce attraverso un meccanismo interno che le trasforma poi in bobina di filamenti per la stampa 3D.

Owais ha presentato la sua invenzione al Global Grad Show di Dubai, una mostra dei 100 progetti di laurea più innovativi dell’anno. L’obiettivo è diffondere l’invenzione in tutto il mondo: “Stiamo effettivamente andando avanti con i nostri piani per implementare Polyformer in altri maker space in tutto il mondo perché se la stampa 3D è economica, è più accessibile e questo significa che più persone possono costruire cose incredibili”, ha spiegato l’ingegnere.

Articolo precedenteRaccolti 5 mln in crowdfunding immobiliare per costruire “28 Herbert”, l’edificio net zero di New York
Articolo successivoRenexia: accordo quadro con sindacati Sicilia per lavoro parco eolico MedWind

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui