Waste Travel 360°, il viaggio virtuale nel mondo del riciclo

E’ il primo progetto di realtà virtuale nel mondo dei rifiuti: potrà essere adottato come strumento didattico nelle scuole e nei Comuni di tutta Italia

 

Waste Travel 360°, il viaggio virtuale nel mondo del riciclo

 

(Rinnovabili.it) – Prendete una start up esperta di realtà virtuale, il bagaglio di informazioni dei principali consorzi italiani che operano nella filiera del riciclo e l’attenzione alla comunicazione di un società che opera sui temi dello sviluppo sostenibile e dell’innovazione. Mescolateli insieme e quello che avrete è Waste Travel 360°, il primo progetto di realtà virtuale nel mondo dei rifiuti. Ideato da Ancitel Energia&Ambiente con il supporto tecnico della start up PEARLEYE HD Virtual Tour, Waste Travel 360° non poteva avere come trampolino di lancio altro se non il palco di Ecomondo 2016. E’ proprio dalla fiera di Rimini che è stato presentato in anteprima il nuovo strumento didattico dedicato a raccolta differenziata e riciclo: immagini a 360°, navigabili intuitivamente da tutti i dispositivi, che permettono al fruitore di compiere una visita immersiva e interattiva nel mondo dei rifiuti, grazie alla resa grafica e alla qualità delle immagini HD.

 

Progettato per essere utilizzato come innovativo strumento didattico, il Waste Travel 360° è in grado di fornire un’esperienza dal notevole impatto emozionale e permette all’utente di interagire direttamente con i materiali, dall’alluminio alla plastica, dal vetro al legno, dall’acciaio alla carta:  come in un videogioco, i giovani fruitori possono essere parte attiva nello scegliere dove collocare un rifiuto, diventando anche parte integrante dello spazio e accompagnando i rifiuti nel processo di trasformazione e valorizzazione sino ai prodotti finali. Il progetto è stato realizzato con il patrocinio di ANCI e Ministero dell’Ambiente e con la collaborazione di alcuni dei più importanti Consorzi di Filiera: Conai (Consorzio Nazionale Imballaggi), Cial per l’alluminio, CIC per il compost, Cobat per le batterie, Comieco per carta e cartone, Corepla per la plastica, Coreve per il vetro, Ricrea per l’acciaio e Rilegno per il legno.

 

“Creando strumenti fluidi, facili e non retorici – spiega Filippo Bernocchi, Delegato ANCI a Energia e Rifiuti – puntiamo ad accelerare il processo di raggiungimento degli obiettivi di legge stabiliti dall’Unione Europea: in un futuro non troppo lontano, entro il 2050, niente sarà più destinato allo scarto e ogni oggetto verrà progettato per essere riutilizzato e avviato al riciclo. Dobbiamo quindi passare dal concetto di disvalore insito nel rifiuto a quello di valore, per affrontare la sfida del passaggio al modello di economia circolare come unica opportunità di crescita”.

Tutte le scuole e i Comuni d’Italia potranno usufruire gratuitamente del virtual tour e utilizzarlo per accrescere la consapevolezza degli alunni e dei cittadini sull’importanza della corretta gestione dei rifiuti.

2 Commenti

  1. Buongiorno,
    Lavoro alla scuola francese di Firenze e già da più di un anno faccio dei progetti sul riciclo con i bambini. Lo strumento che presentate sarebbe l’ideale per renderli ancora più partecipi!
    Sarebbe possibile averne accesso?
    Grazie,
    Alessandra Berardi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui