Aziende rinnovabili: cresce il numero di multinazionali al 100% green

Oggi oltre 100 delle aziende più influenti al mondo hanno aderito a RE100, iniziativa che incoraggia i big dell’economia mondiale a impiegare solo energia verde

aziende rinnovabili

 

I contratti PPA spingono in alto le aziende rinnovabili al 100%

(Rinnovabili.it) – Cresce il numero di aziende rinnovabili nel mondo, società di grandi dimensioni che si sono poste un obiettivo di sola energia pulita per soddisfare il proprio fabbisogno elettrico. Accanto a veri e propri antesignani come Lego e Google, si schierano oggi multinazionali del calibro di Marks & Spencer, Crédit Agricole e Microsoft, ognuna con una strategia verde tagliata su misura: c’è chi ha installato impianti rinnovabili, chi acquista solo energia eolica e solare, chi ha optato per i crediti energetici.

 

A riunirle tutte è RE100, progetto creato da The Climate Group e CDP (Carbon Disclosure Project) proprio per incoraggiare i colossi dell’economia mondiale a partecipare alla rivoluzione energetica. Le due associazioni hanno scelto il palco internazionale del World Economic Forum di Davos per aggiornare i progressi dell’iniziativa. Nel rapporto ‘Approaching the tipping point: how corporate users are redefining global electricity markets’ si tiene traccia delle ultime evoluzioni delle aziende rinnovabili.

 

Dall’anno di lancio (2014) a oggi, il numero di affiliati alla campagna è passato da 12 a oltre 120. Alcuni hanno già pienamente raggiunto l’obiettivo del 100% green energy, i più sono in dirittura d’arrivo e non mancano nuove adesioni come quelle pronunciate oggi da gigante alimentare francese Danone e il gruppo britannico Reckitt Benckiser.

A livello globale, i maggiori successi del 2016 sono stati quelli di Bank of America, Astra Zeneca e Coca Cola Enterprises, la cui quota di elettricità rinnovabile è aumentata di oltre tre volte.

 

>>Leggi anche Investire nelle rinnovabili: da dove arriva e dove finisce il denaro?<<

 

Lo strumento principe di questa rivoluzione sono i contratti PPA, acronimo di power purchase agreement. Ancor più di centrali solari installate in situ o dell’acquisto di Renewable Energy Credits (RECs), i PPA stanno spostando l’approvvigionamento aziendale dalle fonti tradizionali a quelle alternative. Si tratta di un accordo finanziario dalla durata variabile (da 10 a 25 anni) in cui uno sviluppatore si fa carico della progettazione, autorizzazione, finanziamento e installazione di un impianto alimentato a rinnovabili sulla proprietà di un cliente a costi minimi o nulli. L’energia generata dall’impianto è venduta al cliente “ospite” a un tasso fisso generalmente inferiore alla tariffa di vendita dell’utility locale.

 

La crescita di questi accordi è praticamente quadruplicata tra i membri di RE100 tra il 2015 e il 2016. I power purchase agreement firmati ammontavano a circa 4,8 TWh di consumo di elettricità nel 2016. La crescita di questo strumento, tuttavia, non è uniforme a livello mondiale: il report mostra come esista una diffusione maggiore dei contratti PPA degli Stati Uniti rispetto ad altre regioni. “Stanno aumentando i casi anche in Europa – spiega Sam Kimmins, a capo della campagna RE100 – ma il tasso di progresso è molto più lento, con una variazione regionale considerevole a seconda del Paese a causa dell’ampia gamma di quadri legislativi”.

 

>>Leggi anche Da Microsoft a Google, come le aziende tecnologiche diventano verdi<<

Articolo precedenteSempre più grave il disastro ambientale della petroliera iraniana
Articolo successivoFollia peruviana, 280 km di autostrada in piena Amazzonia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui