Rinnovabili • Comunità Energetiche Rinnovabili in Italia

Comunità Energetiche Rinnovabili in Italia, a che punto siamo?

Oggi risultavano in esercizio 154 configurazioni di condivisione energetica "virtuale" tra CER e autoconsumo collettivo. A fare il punto è il nuovo report di Legambiente in collaborazione con il GSE

Comunità Energetiche Rinnovabili in Italia
via depositphotos

I numeri delle Comunità Energetiche Rinnovabili in Italia

(Rinnovabili.it) – Con la firma del Decreto CACER e la pubblicazione delle regole operative del GSE, le Comunità Energetiche Rinnovabili in Italia sono pronte a spiccare il volo. O quasi. La strada per le nuove configurazioni dell’energy sharing non è completamente sgombra e la lunga attesa normativa ha lasciato parecchi segni sul tracciato. Degli almeno 400 progetti di autoconsumo diffuso proposti in questi anni, oggi risultano in esercizio solo 154 iniziative tra CER e condomini di prosumer. Un numero che impallidisce in confronto all’esperienza di grandi paesi europei con la Germania o i Paesi Bassi che già nel 2021 contavano rispettivamente oltre 1.700 e 700 Comunità.

A fare il punto della situazione è oggi il nuovo rapporto redatto da Legambiente in collaborazione con il GSE e presentato stamane a KEY The Energy Transition Expo, nell’ambito della campagna “BeCome – dai borghi alle comunità energetiche”. Cosa racconta il documento? Che la maggior parte delle esperienze sono concentrate nel Nord Italia, con Piemonte, Veneto e Trentino-Alto Adige che si fanno notare per il più elevato numero di configurazioni attive.

CER, dalle direttive UE alle norme italiane

In realtà le prime esperienze di Comunità Energetiche Rinnovabili in Italia sono cominciate addirittura negli anni 2000. Piccoli esperimenti dal basso senza alcun incentivo di sostegno, né un inquadramento normativo dedicato. E con l’impossibilità di vendere l’energia prodotta al mercato elettrico. Nel 2016 il celebre pacchetto “Energia pulita per tutti gli europei” proposto dalla Commissione UE, ha cambiato le carte in tavola riconoscendo e rafforzando ufficialmente il ruolo centrale che i cittadini e le comunità possono svolgere nella transizione energetica. Ma soprattutto codificando nuove configurazioni con cui i cosiddetti “energy citizens” possono partecipare al mercato energetico.

Il processo per trasformare il pacchetto in atti giuridici e quindi introdurli nei vari ordinamenti nazionali è stato lungo. Lato CER ed autoconsumo in Italia si è concluso a dicembre 2021 con il recepimento della Direttiva RED II dando poi il via ai lavori su DM attuativo (cd. Decreto CACER). In altre parole dalla proposta all’operatività – segnata dalla pubblicazione delle regole operative del GSE solo qualche giorno fa – sono passati ben quasi otto anni.

In tutto questo tempo, tuttavia, il Belpaese non è rimasto completamente immobile. Nel 2020 grazie al Milleproroghe l’Italia ha introdotto in via sperimentale le prime  norme per l’attuazione dell’autoconsumo collettivo e delle comunità energetiche rinnovabili. Assegnato i primi incentivi all’energia condivisa “virtualmente”.

Comunità energetiche rinnovabili, l’impegno delle Regioni

Le nuove norme e risorse dedicate dovrebbero dare una scossone al settore. Secondo stime dello stesso ministero dell’Ambiente le nuove tariffe incentivanti dovrebbero sostenere almeno 210mila iniziative. Ma in attesa del Decreto CACER anche molti territori si sono mossi a supporto delle Comunità rinnovabili. Secondo il report di Legambiente sono 15 le amministrazioni ad aver sviluppato una legge regionale/provinciale dedicata. Parliamo di: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Sardegna, Toscana, Trento, Veneto. Tra queste realtà 13 hanno anche stanziato importanti risorse economiche: “oltre 30 milioni di euro sulla base dei fondi nazionali previsti dal PNRR e al bando nazionale di Fondazione con il Sud”.

A ciò si aggiungono otto Regioni con programmi di finanziamento pubblico, per più di 34 milioni complessivi, e due programmi di finanziamento privati

CER ed autoconsumo diffuso, le criticità

Vi sono, tuttavia, ancora alcuni nodi da sciogliere e su cui Legambiente chiede oggi interventi veloci e pragmatici. Ad esempio, il mancato scorporo diretto in bolletta per l’energia condivisa. “Senza questo meccanismo”, spiega l’associazione, gli utenti “pagheranno comunque l’energia per intero in bolletta per poi vedersi riconoscere le risorse economiche derivanti dall’energia immessa in rete e dall’incentivo per quella condivisa, con tariffe molto diverse tra loro”. Riflettori puntati anche sul limite della cabina primaria per i piccoli comuni, dei quartieri e strade che ricadono in aree di pertinenza di più cabine primarie“. L’associazione propone anche di studiare tariffe incentivanti diverse per tecnologie rinnovabili diverse (viste le differenze di costo) e di prevedere norme e incentivi anche per quelle realtà che vogliono condividere energia termica rinnovabile.

Rinnovabili •
About Author / Stefania Del Bianco

Giornalista scientifica. Da sempre appassionata di hi-tech e innovazione energetica, ha iniziato a collaborare alla testata fin dalle prime fasi progettuali, profilando le aziende di settore. Nel 2008 è entrata a far parte del team di redattori e nel 2011 è diventata coordinatrice di redazione. Negli anni ha curato anche la comunicazione e l'ufficio stampa di Rinnovabili.it. Oggi è Caporedattrice del quotidiano e, tra le altre cose, si occupa quotidianamente delle novità sulle rinnovabili, delle politiche energetiche e delle tematiche legate a tecnologie e mercato.


Rinnovabili • Turbine eoliche ad asse verticale

Turbine eoliche ad asse verticale, efficienza migliorata del 200%

Dall'EPFL svizzero il primo studio che applica un algoritmo di apprendimento automatico alla progettazione della pale delle turbine VAWT

Turbine eoliche ad asse verticale
via depositphotos

Nuovi progressi per le turbine eoliche ad asse verticale

Un aumento dell’efficienza del 200% e una riduzione delle vibrazioni del 70%. Questi due dei grandi risultati raggiunti nel campo delle turbine eoliche ad asse verticale,  presso l’UNFoLD, il laboratorio di diagnostica del flusso instabile della Scuola Politecnica Federale di Losanna (EPFL). Il merito va a Sébastien Le Fouest e Karen Mulleners che, in un’anteprima mondiale hanno migliorato questa specifica tecnologia impiegando un algoritmo di apprendimento automatico.

leggi anche Ragni giganti in metallo per l’installare l’eolico offshore

Turbine eoliche VAWT, vantaggi e svantaggi

Si tratta di un progresso a lungo atteso dal comparto. Le turbine eoliche ad asse verticale o VAWT per usare l’acronimo inglese di “Vertical-axis wind turbines” offrono sulla carta diversi vantaggi rispetto ai classici aerogeneratori ad asse orizzontale. Ruotando attorno ad un asse ortogonale al flusso in entrata, il loro lavoro risulta indipendente dalla direzione del vento, permettendogli di funzionare bene anche nei flussi d’aria urbani. Inoltre offrono un design più compatto e operano a frequenze di rotazione più basse, il che riduce significativamente il rumore e il rischio di collisione con uccelli e altri animali volanti. E ancora: le parti meccaniche della trasmissione possono essere posizionate vicino al suolo, facilitando la manutenzione e riducendo i carichi strutturali.

Perché allora non sono la scelta dominante sul mercato eolico? Come spiega lo stesso Le Fouest, si tratta di un problema ingegneristico: le VAWT funzionano bene solo con un flusso d’aria moderato e continuo. “Una forte raffica aumenta l’angolo tra il flusso d’aria e la pala, formando un vortice in un fenomeno chiamato stallo dinamico. Questi vortici creano carichi strutturali transitori che le pale non possono sopportare“, scrive Celia Luterbacher sul sito dell’EPFL.

Energia eolica e algoritmi genetici

Per aumentare la resistenza, i ricercatori hanno cercato di individuare profili di inclinazione ottimali.  Il lavoro è iniziato montando dei sensori, direttamente su una turbina in scala ridotta, a sua volta accoppiata ad un ottimizzatore funzionante con algoritmi genetici di apprendimento. Di cosa si tratta? Di una particolare tipologia di algoritmi euristici basati sul principio della selezione naturale.

Quindi muovendo la pala avanti e indietro con angoli, velocità e ampiezze diverse, hanno generato una serie di profili di inclinazione. “Come in un processo evolutivo, l’algoritmo ha selezionato i profili più efficienti e robusti e ha ricombinato i loro tratti per generare una ‘progenie’ nuova e migliorata”. Questo approccio ha permesso a Le Fouest e Mulleners non solo di identificare due serie di profili di passo che contribuiscono a migliorare significativamente l’efficienza e la robustezza della macchina, ma anche di trasformare la più grande debolezza delle turbine eoliche ad asse verticale in un punto di forza. I risultati sono riportati su un articolo recentemente pubblicato sulla rivista Nature Communications.

leggi anche Il primo parco eolico galleggiante d’Italia ottiene l’autorizzazione

Rinnovabili •
About Author / Stefania Del Bianco

Giornalista scientifica. Da sempre appassionata di hi-tech e innovazione energetica, ha iniziato a collaborare alla testata fin dalle prime fasi progettuali, profilando le aziende di settore. Nel 2008 è entrata a far parte del team di redattori e nel 2011 è diventata coordinatrice di redazione. Negli anni ha curato anche la comunicazione e l'ufficio stampa di Rinnovabili.it. Oggi è Caporedattrice del quotidiano e, tra le altre cose, si occupa quotidianamente delle novità sulle rinnovabili, delle politiche energetiche e delle tematiche legate a tecnologie e mercato.