Arriva dal Ciemat la microturbina verde

Un gruppo di ricercatori del CIemat guidati dall’ing. Francisco Toja-Silva hanno realizzato una microturbina in grado di produrre elettricità e calore

Microturbina verde dal Ciemat(Rinnovabili.it) – I ricercatori dell’Università Nazionale dell’Educazione a Distanza e del Centro di Ricerca Energetica, Ambientale e Tecnologica (Ciemat) hanno messo a punto un dispositivo in grado di produrre energia elettrica e termica a partire da una microturbina che utilizza l’energia immagazzinata sotto forma di idrogeno e ossigeno allo stato gassoso.

Il progetto, battezzato “microturbina verde” pur non essendo un dispositivo di accumulo fa parte di un sistema di storage che offre nuove opportunità e una nuova applicazione tecnologica.

 

Lo studio pubblicato sul Journal of Engineering for Gas Turbines and Power rivela che i ricercatori hanno utilizzato “parametri e prestazioni di dispositivi già esistenti come turbine e condensatori già esistenti per realizzare una nuova componente che va ad integrarsi al sistema completo” come ha dichiarato l’autore dello studio Francisco Toja-Silva.

Lo studio rivela un’elevata efficienza energetica del sistema addirittura superiore all’enenrgia termica e elettrica generata per le caldaie convenzionali e, rivela Toja-Silva, “per essere un sistema chiuso, l’energia primaria viene utilizzata al meglio, garantendo loro prestazioni ad alta energia. Per quanto riguarda le applicazioni del dispositivo”, prosegue l’ingegnere “la microturbina e il sistema di storage potrebbe essere adatto per i consumatori che hanno un surplus di energia” prodotta da impianti domestici alimentati con fonti rinnovabili interessati a consumare l’energia autoprodotta durante le fasce di prezzo più elevate, con un notevole risparmio economico in bolletta generando idrogeno e ossigeno con elettrolisi dall’acqua.

Il team di ricercatori crede infatti che la cogenerazione potrebbe essere una soluzione molto appropriata per le “zone caratterizzate da inverni lunghi e freddi, dove c’è una domanda di energia stabile”.