PTL Energia costruisce altri tre impianti eolici per una potenza di 2,45 MW

Gli impianti entreranno in esercizio entro il 2014 per un investimento totale di circa 4,6 milioni di Euro

15-May-Wind-gains-ground-on-coal-in-Australia-energy-market(Rinnovabili.it) – PLT energia S.p.A., holding italiana di partecipazioni industriali operante nel mercato delle energie rinnovabili in particolare nel settore eolico, fotovoltaico e del biogas con una produzione annua di energia elettrica di oltre 230 GWh, prosegue il piano di realizzazione degli impianti eolici in linea con le attività programmate nel piano industriale 2014-2018 tramite la realizzazione di tre impianti in Calabria per una potenza complessiva di 2,45 MW.
L’investimento totale per la realizzazione dei tre impianti eolici è di circa 4,65 milioni di Euro, i finanziamenti sono stati concessi alla Società veicolo Sav Santa Maria Srl, controllata al 100% da PLT energia, da Mediocredito Italiano S.p.A. e da Credit Agricole per un valore rispettivamente pari a 2,8 milioni di Euro e 1,85 milioni di Euro.
Il Gruppo si occuperà della realizzazione dei progetti a 360° nei siti “Sansinato” e “Santa Maria” nel Comune di Catanzaro (CZ) e “Forge Vecchie” nel Comune di Brognaturo (VV), attraverso la controllata al 100% PLT engineering S.r.l., società EPC del Gruppo PLT, che ne curerà anche la manutenzione.
PLT energia ha selezionato questi siti in base alle favorevoli condizioni anemologiche che offriranno alte performance determinando un ottima redditività degli impianti.
Ogni impianto è composto da 1 aerogeneratore: negli impianti di Sansinato e Santa Maria gli aerogeneratori previsti sono Enercon E48 di Potenza pari a 800 KW/cadauno mentre l’impianto Forge Vecchie monterà Leitwind LTW77 di potenza pari 850 kW.
Tramite la costruzione di questi progetti il numero totale degli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili del Gruppo arriverà a 31 per una potenza installata totale superiore a 100 MW.

Articolo precedenteDa Life+ 44 mln per salvare il clima
Articolo successivoFotovoltaico, ecco l’ultima bozza dello spalma incentivi