L’agrivoltaico intelligente migliora la qualità dell’uva

Iberdrola inaugura in un vigneto di Toledo un nuovo impianto agrivoltaico che permette di regolare l’ombreggiatura dei pannelli tramite sensori e un algoritmo di intelligenza artificiale

agrivoltaico intelligente
Credits: Iberdrola

 Il progetto Winesolar testa il primo agrivoltaico smart spagnolo

(Rinnovabili.it) – La Spagna accende il suo primo impianto agrivoltaico intelligente nei vigneti González Byass e Grupo Emperador, in provincia di Toledo. Il progetto porta la firma di uno dei grandi nomi dell’industria verde: Iberdrola. La società, in collaborazione con il fornitore di soluzioni tecnologiche avanzate Techedge e del produttore di inseguitori solari PVH, ha messo a punto Winesolar, nuovo connubio tra la produzione energetica e quella vitivinicola in ottica smart.

leggi anche Le cinque “C” dell’agrivoltaico 2022

L’iniziativa è nata con un obiettivo preciso: impiegare la tecnologia fotovoltaica per migliore la produzione dell’uva. Ottenendo anche un alleggerimento delle bollette aziendali. Ma ciò che contraddistingue Winsolar è soprattutto il grado di automazione. L’impianto agrivoltaico intelligente “dialoga”, infatti, con una serie di sensori collocati tra i filari. Questi dispositivi forniscono, in tempo reale, informazioni essenziali come l’umidità del suolo, le condizioni del vento, la quantità di luce che colpisce le piante o lo spessore dei tronchi della vite. I dati sono rielaborati da un algoritmo di intelligenza artificiale che regola in maniera automatica l’inclinazione dei pannelli solari in maniera da aumentare o diminuire l’ombra sul vigneto. In questo modo, i moduli possono contribuire direttamente al miglioramento della qualità delle uve, consentendo un uso più efficiente del terreno, riducendo il consumo di acqua legato all’irrigazione o proteggendo le viti da condizioni meteo avverse.

leggi anche Bando Parco Agrisolare, come accedere agli incentivi per il fv agricolo

L’installazione pilota ha una capacità di 40 kW, spiega Iberdrola in una nota stampa, e la produzione sarà interamente utilizzata per l’autoconsumo dalle cantine González Byass e Grupo Emperador. “Potranno così ridurre le proprie emissioni, avanzare nella decarbonizzazione della propria attività e tagliare le proprie spese per l’energia”, scrive la società.

Ma Winesolar è solo il primo passo di un’iniziativa più ampia. Iberdrola monitorerà i risultati dell’agrivoltaico smart nel corso del prossimo anno, utilizzando i dati per perfezionare ulteriormente il sistema. E quindi replicare l’impianto in altre aziende vitivinicole spagnole.

Articolo precedenteProdurre idrogeno dorato dai vecchi pozzi petroliferi
Articolo successivoLe grandi aziende sono ancora cieche al rischio climatico

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui