Per la prima volta, le rinnovabili USA superano il carbone

Gli osservatori si aspettano che quest’anno la produzione di carbone crollerà di 1/4 negli Usa, con le rinnovabili che salgono all’11% del consumo totale di energia.

Nella corsa alla generazione energetica, il carbone perde terreno in favore di solare ed eolico

(Rinnovabili.it) – Per la prima volta in oltre 130 anni di storia, le energie rinnovabili hanno superato il carbone nella corsa alla generazione di energia negli Stati uniti. Complice la pandemia di coronavirus, il consumo del combustibile fossile è diminuito del 15%, in calo per il sesto anno consecutivo, mentre le energie rinnovabili sono aumentate dell’1%.

“Stiamo assistendo alla fine del carbone, con queste parole, Dennis Wamsted, analista dell’Institute for Energy Economics and Financial Analysis, ha commentato la notizia. “Non vedremo una forte ripresa della generazione di carbone, la tendenza è piuttosto chiara. Il crollo nell’uso del combustibile fossile sarebbe stato quasi impensabile un decennio fa, quando la fonte rappresentava quasi la metà dell’elettricità generata oltreoceano. Questa percentuale potrebbe inoltre scendere al di sotto del 20% nel corso del 2020, con gli analisti che prevedono un ulteriore dimezzamento entro il prossimo decennio.

Leggi anche USA, entro il 2024 il costi del carbone supereranno quelli delle energie rinnovabili

Tutto ciò accade nonostante gli sforzi dell’amministrazione Trump, che ha smantellato le regole ambientali dell’era Obama per ridurre le emissioni dalle centrali a carbone. La generazione del combustibile, infatti, rilascia più anidride carbonica rispetto a qualsiasi altra fonte di energia, e gli scienziati avvertono che il suo uso deve essere gradualmente eliminato per raggiungere le zero emissioni entro il 2050.

“È un grande momento per il mercato delle energie rinnovabili”, ha affermato Ben Nelson, capo analista presso Moody. “L’entità dell’intervento per aiutare il carbone non è stata sufficiente per cambiare radicalmente la sua traiettoria, che punta drasticamente verso il basso. Nelson ha dichiarato di aspettarsi che la produzione crollerà di 1/4 quest’anno, ma ha sottolineato che dichiarare la fine del settore è “prematuro”. Ciò dipende dalle massicce esportazioni del combustibile fossile e dal suo uso nella produzione dell’acciaio.

Leggi anche Centrali a carbone ancora in calo. Il COVID-19 darà il colpo di grazia?

Tuttavia, molte centrali a carbone statunitensi stanno invecchiando e i costi di produzione diventano sempre più onerosi, costringendo centinaia di chiusure negli ultimi dieci anni. Proprio quest’anno, le compagnie elettriche hanno annunciato l’intenzione di chiudere 13 centrali a carbone, tra cui la grande struttura Edgewater, nel Wisconsin, la centrale Coal Creek Station, nel Nord Dakota, e la stazione di generazione Four Corners, nel New Mexico.

Nel frattempo, le fonti rinnovabili hanno rappresentato l’11% del consumo totale di energia degli Stati Uniti nel corso del 2019. Il petrolio rappresentava il 37% del totale, seguito dal gas al 32%. Le energie rinnovabili hanno ridotto marginalmente il carbone, mentre il nucleare si è attestato all’8%. “Superare il carbone è un grosso primo passo, ma il prossimo round sarà l’industria del gas, ha detto Wamsted.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui