Due installazioni in Inghilterra per AROS Solar Technology

Le centrali solari di Haverfordwest e St.Stephen hanno scelto la tecnologia italiana di Aros

18aa108d-5962-4d40-9d8a-4104aa29055e(Rinnovabili.it) – AROS Solar Technology, storico marchio del gruppo Riello Elettronica e attore fra i più importanti nel mercato di inverter per impianti fotovoltaici, è stata scelta come partner fornitore di due grandi installazioni in Inghilterra, ricevendo commesse per un totale di 66 inverter Aros Sirio K533 HV-MT.

La chiamata a partecipare alla realizzazione delle due centrali solari di oltremanica è arrivata alla filiale spagnola di AROS Solar Technology da parte di Bester Generación, capocommessa dei due impianti e primario operatore spagnolo nel settore delle energie rinnovabili a livello internazionale, il cui punto di forza consiste nell’offrire impianti “chiavi in mano” facendosi carico delle fasi di progettazione, consulenza, installazione, messa in opera e manutenzione. Esiste infatti un consolidato rapporto di collaborazione internazionale tra Aros Solar Technology e Bester che ha spesso potuto testare l’efficacia e l’affidabilità delle soluzioni di Aros, l’ottimo rapporto qualità/prezzo e soprattutto la competente efficienza del servizio pre-vendita, vitale in fase progettuale per la definizione della configurazione ottimale dei singoli impianti.

Come spesso accade, anche per queste due centrali Aros ha fornito soluzioni personalizzate sviluppate in funzione delle specifiche tecniche richieste. In totale sono stati forniti 66 inverter Sirio K533 HV-MT, con potenza nominale di 533KW, ciascuno dotato di 7 ingressi con fusibile da 250A e in grado di erogare potenza reattiva anche durante la notte.

Per l’impianto di St. Stephen (Cornovaglia) che ha una potenza complessiva di 14 MWp ed è allacciato alla rete da poco più di un mese, sono stati impiegati 21 inverter Sirio K533 HV-MT. In questo caso Bester Generación e Aros hanno saputo correre contro il tempo dando prova di grande efficienza operativa e permettendo agli investitori di far rientrare l’impianto nello scalone incentivante dei 1,6 Renewables Obligation Scale (ROC) che scadevano il 31/03/2014.

L’impianto di Haverfordwest – ubicato nella contea del Pembrokeshire- con una potenza di ben 28 MWp e non ancora allacciato alla rete, ha richiesto invece 45 inverter Sirio K533 HV-MT.

Gli inverter centralizzati HV-MT adottati, grazie all’assenza del trasformatore integrato (bassa-bassa), aumentano l’efficienza complessiva del sistema portandola a rendimenti superiori al 98%. Il sistema di controllo adotta poi un algoritmo di ricerca del punto di massima potenza (MPPT) che permette di sfruttare appieno il generatore fotovoltaico in ogni condizione di irraggiamento e temperatura, facendo lavorare costantemente l’impianto al massimo del rendimento. Per garantire maggiori standard di sicurezza e la prevenzione di incendi in caso di guasto interno al convertitore, gli Aros Sirio K533 HV-MT adottano di serie un sezionatore motorizzato lato CC dotato di bobina di minima tensione.

 “Le previsioni di autorevoli studi di settore stimano per il Regno Unito un installato di 2,5 GW per il 2014, in funzione dei buoni risultati ottenuti nel primo trimestre dell’anno in corso (un terzo dell’installato fotovoltaico mondiale nel periodo citato è in UK) e della fiducia duratura nel mercato” – ha dichiarato Tommaso Paolino, ufficio comunicazione di Aros. “Il piano di incentivazione introdotto nel 2011 per gli impianti su larga scala previsto fino al 2017 infatti ha portato il Regno Unito in vetta alla classifica dei paesi con la più rapida crescita nell’UE nel settore fotovoltaico. E’ un esempio che dovrebbe essere seguito anche da altri paesi, e in primis dall’Italia, per dare fiducia agli sviluppatori e investitori e una spinta a tutto il settore, migliorando anche il tasso di indipendenza energetica del nostro paese da fonti estere.”

“Dal nostro canto – continua Paolino – siamo orgogliosi di questa nostra continua collaborazione con una grande azienda come Bester Generación, che ha consolidato la propria presenza anche in Italia attraverso la realizzazione di ben 60MW nel corso degli ultimi anni. I due impianti di recente realizzazione in Inghilterra rispondono ai più alti standard qualitativi del settore, a dimostrazione della straordinaria qualità e affidabilità delle nostre soluzioni, oltre che dall’ottimo lavoro sinergico svolto dal nostro servizio pre-vendita e lo staff tecnico dell’EPC .”