Fotovoltaico off-grid, un mercato al servizio di 420 mln di persone

Negli ultimi 10 anni gli impianti solari off-grid hanno fatto passi da gigante nei paesi in via di sviluppo, aiutando le nazioni a raggiungere i loro obiettivi di accesso all’energia. Ma il potenziale di crescita rimane ampio

Fotovoltaico off-grid
Credit: cotrim (pixabay.com)

 

Pubblicato il rapporto della Banca Mondiale e di GOGLA sul mercato mondiale del fotovoltaico off-grid

(Rinnovabili.it) – Continua a crescere il fotovoltaico off-grid nel mondo. Oggi il settore degli impianti solari non allacciati alla rete elettrica, conta ben 420 milioni di utenti. E ha raggiunto un valore di mercato 1,75 miliardi di dollari. A fare i conti è l’ultimo rapporto firmato dalla Banca Mondiale (World Bank Group) e dalla World Off-Grid Energy Association (GOGLA), dal titolo 2020 Off-Grid Solar Market Trends. Il documento affronta le ultime tendenze del fotovoltaico off-grid, tra nuovi progressi e ostacoli alla crescita.

 

Nati per portare luce e servizi, lì dove non arriva l’infrastruttura di rete e i combustibili fossili sono un’opzione troppo cara, i sistemi solari “isolati” sono passati da elementi di nicchia a soluzione universalmente riconosciuta per garantire l’accesso all’energia.  Oggi l’industria solare off-grid è stata accettata a livello globale come componente fondamentale nella lotta per eliminare la povertà energetica. È diventato un modo affidabile e comprovato per fornire servizi elettrici moderni a prezzi accessibili nelle comunità rurali e un importante complemento in aree con reti inaffidabili”, spiegano Dana Rysankova del programma Lighting Global della Banca Mondiale e Koen Peters, direttore esecutivo di GOGLA. “Tuttavia, come chiarisce questo rapporto, l’obiettivo numero dei target ONU di sviluppo sostenibile – raggiungere un accesso universale all’elettricità entro il 2030  – richiederà una forte accelerazione di questo mercato”.

 

>>leggi anche Povertà energetica, Italia al 22° posto in Europa<<

 

In tale contesto, i cosiddetti sistemi “pico”– prodotti piccoli ed economici come le lanterne fotovoltaiche, i pannelli portatili o i caricabatterie solari – rappresentano ancora circa l’83 per cento di tutte le vendite di questo mercato. Gli ultimi anni, tuttavia, hanno visto una espansione significativa anche dei sistemi domestici più grandi, grazie alla formula del Pay-as-you-go (PAYGO). Si tratta di una soluzione di finanziamento digitale che consente agli utenti finali di pagare l’energia solare in rate settimanali, anziché pagare in anticipo per l’intero sistema.

 

E il potenziale sviluppo del settore è ancora grande. Oggi 840 milioni di persone vivono senza accesso all’elettricità, oltre 1 miliardo si trovano in zone in cui la distribuzione energetica non è affidabile. Il fotovoltaico off-grid può essere una soluzione vincente anche quando si tratta di alimentare pompe per l’acqua, celle frigorifere, desalinizzatori o mini impianti di macinazione.

 

>>leggi anche Fotovoltaico domestico per l’elettrificazione capillare del territorio<<

 

Ma per centrare l’SGD 7 entro il 2030, il settore avrebbe bisogno di una spinta aggiuntiva. Il rapporto stima servano 11 miliardi di dollari in nuovi finanziamenti. Ciò permetterebbe al  questo mercato di crescere a un tasso accelerato del 13 per cento. “L’unica soluzione efficace per raggiungere l’obiettivo dell’accesso universale all’energia entro il 2030 è sollecitare finanziamenti commerciali su vasta scala”, insiste Paulo de Bolle, direttore senior del Global Financial Institutions Group dell’International Finance Corporation (IFC) . “Non vediamo l’ora di lavorare con le nostre banche partner locali nei mercati off-grid più maturi, dove i prestiti possono guidare la crescita del settore”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui